martedì 23 gennaio 2018

notizie G.M. guido michi: VID 20180112 215954

notizie G.M. guido michi: VID 20180112 215954

VID 20180112 215954

VID 20180112 172002




Image
Ha solo 16 anni, ma ha già dimostrato un grande coraggio. Lei, una ragazza normale e minuta, ha protestato contro due soldati in divisa e armati.
Per aver difeso la sua casa rischia 10 anni di carcere.
Chiedi ora insieme a noi #FreeAhedTamimi

Rettangolo arrotondato: VAI ALL'APPELLO ORA

Ahed Tamimi ha solo sedici anni, ma è già impegnata attivamente insieme alla sua famiglia, contro l’occupazione israeliana. Aiutaci a far pressione sul primo ministro israeliano per chiedere di annullare questa punizione palesemente sproporzionata.

Ahed è in carcere accusata di aggressione aggravata, di aver ostacolato il lavoro dei soldati e di incitamento alla rappresaglia. Durante la detenzione, ha subito interrogatori aggressivi, a volte di notte, e minacce contro la sua famiglia. Fermiamo ora questa punizione ingiusta.

Ahed è soltanto uno dei 350 minori palestinesi detenuti nelle carceri israeliane e nei centri di detenzione. La tua firma ci aiuta a chiedere giustizia.

Il trattamento dei dati degli iscritti alla newsletter è conforme a quanto previsto dal Codice in materia di protezione dei dati personali (decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196). Se non desideri ricevere ulteriormente questa newsletter clicca qui per rimuovere il tuo indirizzo email

lunedì 22 gennaio 2018

VID 20180112 160934

CERCHIA DI CIMABUE-TAVOLETTE CON STORIE DI GESU'-FONDAZIONE LONGHI FIRENZE

Le cinque Tavolette con storie di Gesù sono un gruppo di dipinti a tempera e oro su tavola, attribuiti alla cerchia di Cimabue o a un artista senese, databili al 1290-1300 circa e conservati in vari musei e collezioni private: nella Fondazione Longhi a Firenze, nel New Orleans Museum of Art, nel Portland Art Museum, nel monastero di Pedralbes vicino Barcellona e in una collezione privata di Milano.
Simili per dimensioni e stile, le cinque tavolette (probabilmente in origine facenti parte di un gruppo più numeroso) provengono verosimilmente da un medesimo complesso, la cui collocazione originaria è sconosciuta. Improbabile che facessero parte di una predella (tipologia che si diffuse qualche decennio dopo e con formati più allungati). si pensa che potessero essere raggruppate a formare una sorta di piccolo polittico a storie, magari con parti mobili.


Roberto Longhi fu il primo a interessarsi del complesso di tavolette (allora ne erano note quattro, a cui si aggiunse il Giudizio Universale e, per ultima, la Crocifissione), attribuendole a Cimabue, seguito da A. Venturi, W. Suida, G. Fiocco e H. Gronau. Brandi parlò invece di un artista ispirato da Cimabue, opinione condivisa anche da Samek Ludovici e da Van Marle, che parlò di scuola toscana. Garrison (confermato da Zeri) le riferì a un anonimo veneziano del XIII secolo, lo "Speaking Christ Master", a cui attribuì anche una piccola e rovinata Madonna col Bambino nella National Gallery of Ireland, oggi riferita invece al senese Maestro di Badia a Isola. Proprio alla cultura senese prima di Duccio hanno guardato gli ultimi studi su queste tavole, sebbene non esista ancora convergenza tra gli studiosi. Perking pensò alla scuola romana del Duecento, mentre Berenson, infine, più prosaicamente pensò a un'opera greco-bizantina del Trecento.
Per quanto riguarda le opere musealizzate, oggi come oggi solo la tavola alla Fondazione Longhi è riferita a Cimabue; quelle statunitensi, entrambe originariamente nella collezione Kress, sono oggi attribuite a un maestro anonimo.

VID 20180112 140943