sabato 18 aprile 2015

NESSUNO TOCCHI CAINO 
no alla pena di morte...........................






1.  LA STORIA DELLA SETTIMANA : ORLANDO A DOHA: ABOLIZIONE PENA MORTE È OBIETTIVO PRIORITARIO 2.  NEWS FLASH: NEBRASKA (USA): PARLAMENTO APPROVA ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE 3.  NEWS FLASH: PAKISTAN: ALTRI CINQUE IMPICCATI IN TRE CARCERI DEL PUNJAB 4.  NEWS FLASH: SOMALIA: SEI FUCILATI PER OMICIDIO NEL SOMALILAND 5.  NEWS FLASH: SINGAPORE: PRIGIONIERO GIUSTIZIATO PER OMICIDIO 6.  I SUGGERIMENTI DELLA SETTIMANA :


ORLANDO A DOHA: ABOLIZIONE PENA MORTE È OBIETTIVO PRIORITARIO
14 aprile 2015: "L''abolizione della pena di morte è un obiettivo prioritario anche in vista della definizione dell''agenda di sviluppo post-2015". Lo ha affermato il ministro della Giustizia italiano, Andrea Orlando, intervenendo a Doha al Panel di discussione sul tema Death, Drugs and Terrorism nell''ambito dei lavori del XIII Congresso Onu per la prevenzione del crimine e la giustizia penale.

Orlando ha sottolineato che "l''Italia accoglie con favore e sostiene con convinzione l''appello all''eliminazione della pena di morte per i reati connessi alle droghe espresso dall''International Narcotics Control Board nelle sessioni 2014 e 2015 della Commissione Droga".
"Nel quadro dell''azione di tutela e promozione dei diritti umani - che è una priorità fondamentale per l''Italia - il mio Paese resta fermamente impegnato nella campagna per l''abolizione della pena di morte, sostenendo in particolare la moratoria universale sulle esecuzioni capitali in vista della loro completa abolizione", ha aggiunto il guardasigilli."Sin dalla prima proposta di Risoluzione che presentammo nel 1994 all''Assemblea Generale abbiamo ispirato e condotto un processo incoraggiante che ha visto nel 2007 l''adozione della prima Risoluzione sulla moratoria dell''uso della pena capitale. L''incremento costante dei voti a favore delle quattro successive Risoluzioni del 2008, 2010, 2012 e 2014 mostra il consolidamento di una tendenza contraria alla pena di morte, con un consenso che ha raggiunto i 117 voti nel dicembre 2014", ha ricordato il ministro.
"In numerosi contesti internazionali, l''Italia ha costantemente manifestato l''auspicio che il numero di reati per i quali la pena di morte è prevista venga progressivamente ridotto, con l''obiettivo di pervenire alla sua definitiva abolizione. Lo abbiamo indicato, da ultimo, nell''Upr in ambito Consiglio Diritti Umani a Ginevra", ha aggiunto.
(Fonti: askanews, 14/04/2015)
Per saperne di piu' :

---------------------------------------
NESSUNO TOCCHI CAINO - NEWS FLASH

NEBRASKA (USA): PARLAMENTO APPROVA ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE
16 aprile 2015: il parlamento unicamerale del Nebraska ha approvato 30-13 l’abolizione della pena di morte. Il ddl (LB 268) è stato presentato dal senatore Ernie Chambers, e sostituirebbe la pena di morte con l’ergastolo senza condizionale. Era stato approvato 8-0 dalla Commissione Giustizia il 9 marzo. Il Governatore repubblicano Pete Ricketts ha preannunciato il veto, ma al momento il margine dei favorevoli all’abolizione è di 2 voti sopra il quorum necessario a superare il veto governatoriale. Dopo un veto del governatore, una legge entra ugualmente in vigore se il parlamento la ri-vota 2 volte con una maggioranza di 2/3. Sono 40 anni che il senatore Chambers cerca di far approvare l’abolizione della pena di morte, e più di una volta ha sfiorato il successo.
La maggioranza di 2/3, che quest’anno è stata raggiunta perché al tradizionale supporto dei Democratici si è aggiunto un consistente gruppo di Repubblicani che ritiene la pena di morte troppo costosa, e troppo difficoltoso il reperimento di farmaci letali. L’ultima esecuzione in Nebraska risale al 1997.
(Fonti: Associated Press, 16/04/2015)
Per saperne di piu' : http://www.deathpenaltyinfo.org/

PAKISTAN: ALTRI CINQUE IMPICCATI IN TRE CARCERI DEL PUNJAB
16 aprile 2015: cinque condannati per omicidio sono stati impiccati a Rawalpindi, Gujranwala e Faisalabad, portando a 75 il numero totale delle esecuzioni da quando il Pakistan ha revocato la moratoria autoimposta sulla pena di morte nel dicembre 2014.
Due condannati a morte in due distinti casi di omicidio – Majid e Qaiser – sono stati giustiziati nel carcere di Adiala a Rawalpindi. Majid è stato accusato di aver ucciso sei persone a Wah Cantt mentre Qaiser è stato condannato per aver ucciso un collega di lavoro.
Altri due condannati – Aijaz e Abdul Jabbar – sono stati impiccati nella prigione centrale di Gujranwala. Entrambi sono stati giudicati colpevoli di aver ucciso due persone, rispettivamente, nel 1995 e nel 2001.
Infine, Zafar Iqbal è stato impiccato nella prigione centrale di Faisalabad. Era stato accusato di aver ucciso una donna che aveva opposto resistenza nel corso di una rapina nel 2005.
Nel frattempo, l’impiccagione di Nizam Din e Muhammad Hussain è stata fermata dopo che le loro famiglie e quelle delle vittime hanno presentato alle autorità della prigione un accordo sul prezzo del sangue. (Fonti: geo.tv e dnd.com.pk, 16/04/2015) Per saperne di piu' :

SOMALIA: SEI FUCILATI PER OMICIDIO NEL SOMALILAND
13 aprile 2015: sei prigionieri sono stati fucilati nel Somaliland, regione semi-autonoma della Somalia, dopo essere stati riconosciuti colpevoli di omicidio. Alla fucilazione, che è stata effettuata nel complesso di massima sicurezza di Mandera, hanno assistito i comandanti di esercito, polizia e prigioni, oltre a rappresentanti del Ministero della Giustizia.
I sei detenuti messi a morte sono: Mohamed Daud Ahmed di 25 anni, figlio di Hibo Elmi, e Abdiweli Elmi Muse, 25 anni figlio di Asha Mohamed, entrambi per l’omicidio di Mukhtar Osman Warsame commesso a Borame il 30 marzo 2008; Ilays Abdilahi Adan, 40 anni figlio di Waris Egge per gli omicidi di Aden Abdi Mursal e Muna Ahmed Mohamed commessi a Hargeisa il 26 luglio 2003; Mohamed Ahmed Hirsi 24 anni figlio di Farhiya Ali per l’omicidio di sua moglie Farhiya Dahir Abdi avvenuto a Burao il 10 maggio 2011; Mohamed Abdilahi Abdi Guleid 28 anni ed ex poliziotto, figlio di Mulaho Abdi per l’omicidio di Hussein Mahmud Awale 'Gamadeere' commesso nel villaggio Qoton di Hargeisa il 22 marzo 2015; Abdirashid Hasan Omar 25 anni ex membro dell’Esercito, figlio di Hawo Muhumed Nuur per l’omicidio di Abdifatah Mohamed Soodani commesso ad Hargeisa il 7 agosto 2009.
(Fonti: Somalilandsun, 13/04/2015)
Per saperne di piu' :

SINGAPORE: PRIGIONIERO GIUSTIZIATO PER OMICIDIO
17 aprile 2015: un 39enne di Singapore è stato giustiziato nel Complesso Detentivo di Changi dopo essere stato condannato a morte per omicidio il 7 aprile 2009, la polizia ha reso noto in un comunicato.
Muhammad bin Kadar avrebbe ucciso a coltellate la proprietaria 69enne dell’appartamento che stava svaligiando, il 6 maggio 2005. La donna fu accoltellata più di 110 volte, secondo la polizia.
La Polizia ha aggiunto che Muhammad bin Kadar è stato rappresentato da un avvocato durante tutto il processo legale e che la Corte di Appello ha respinto il suo appello il 5 luglio 2011. La Corte d'Appello ha respinto inoltre la sua richiesta di riformulazione della sentenza in relazione al nuovo regime sulla pena di morte il 29 settembre 2014, dopo aver valutato ulteriori argomenti.
Al condannato è stata data l'opportunità di chiedere la grazia al Presidente, che è stata respinta, ha concluso la polizia.