giovedì 11 giugno 2015

Se non visualizzi correttamente questa email clicca qui


condividi su facebook
twitter
Amnesty International
Iraq: mappa interattiva e rapporti rivelano la dimensione delle atrocità 
Un anno fa lo Stato islamico conquistava diverse regioni dell’Iraq. Da allora, la popolazione civile è caduta in una spirale mortale di violenza settaria.
Sono indicibili le sofferenze  che i nostri ricercatori hanno ascoltato.
"C'erano corpi ovunque…  Alcuni alla discarica, altri in un campo. Non posso dimenticare quello che ho visto: crani spappolati, corpi in posizione contorta, pozze di sangue. Anche i bambini hanno visto tutto questo. I loro pianti mi risuonano ancora nelle orecchie…" .
È inimmaginabile il dolore di Nadia, che ha perso figlio, marito e cognato.
In questo terribile anno, siamo stati in Iraq per raccogliere le testimonianze dei sopravvissuti, intervistare padri e madri di chi è stato ucciso e delle donne e bambine rapite, stuprate e ridotte in schiavitù sessuale.
Abbiamo raccolto le prove di crimini efferati dello Stato islamico e della brutale risposta delle forze governative e delle milizie sciite sostenute dal governo; li abbiamo denunciati in rapporti e in una nuova mappa interattiva.
Ascoltiamo le sofferenze di uomini e donne.
Raccogliamo le prove delle violazioni commesse.
Denunciamo queste violenze, che devono essere fermate.
È il tuo sostegno che ci permette di svolgere missioni, di denunciare.
Ed è solo grazie a te che possiamo fermare queste violenze.

Il trattamento dei dati degli iscritti alla newsletter è conforme a quanto previsto dal Codice in materia di protezione dei dati personali (decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196). Se non desideri ricevere ulteriormente comunicazioni clicca qui per rimuovere il tuo indirizzo email