giovedì 25 giugno 2015


Tre anni fa la vita di Yecenia Armenta è stata stravolta.
Arrestata dalla polizia investigativa dello stato di Sinaloa, in Messico, è stata torturata, picchiata e violentata affinché confessasse di essere coinvolta nell’omicidio del marito.
Dopo quasi 15 ore di brutalità, ha sottoscritto una confessione che non ha letto.
Yecenia è in carcere, mentre i suoi torturatori non sono stati sottoposti a processo, anche perché secondo gli esami del personale medico dell’ufficio del pubblico ministero non c’erano prove di torture o maltrattamenti. Opposto, invece, è stato il parere di due medici indipendenti.
In occasione della Giornata internazionale per le vittime di tortura, Amnesty è al fianco di Yecenia e delle migliaia di persone che ancora subiscono questa pratica brutale e disumana, in ogni parte del mondo.
Aiuta Yecenia nella sua lotta per la giustizia.





Dona ora

 






FIRMA I NOSTRI APPELLI
 
Ogni giorno di ritrovata libertà è come un miracolo.
Se non fosse stato per Amnesty, non sarei stata qui a raccontarvelo.

Vera Chirwa, attivista politica del Malawi,
rilasciata dopo oltre 11 di carcere
FIRMA I NOSTRI APPELLI
DONA ONLINE CON
DONA ONLINE CON
CARTA DI CREDITO



Hai ricevuto la newsletter da un amico? Iscriviti
Ci trovi anche su:
Facebook
Twitter
Iscriviti alle newsletter tematiche di Amnesty Italia:
Pena di morte, Donne, Giovani, Lgbti,
Scuola, Individui a rischio.
invia a un amico
Il trattamento dei dati degli iscritti alla newsletter è conforme a quanto previsto dal Codice in materia di protezione dei dati personali (decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196). Se non desideri ricevere ulteriormente questa newsletter clicca qui per rimuovere il tuo indirizzo email