venerdì 31 luglio 2015

IL GIAPPONE E LA PENA DI MORTE.......



Nel 2007 in Giappone sono state eseguite 9 condanne a morte, il numero più alto dall’anno di ripresa delle esecuzioni nel paese. Dal 1993 al 2007 sono 60 le esecuzioni registrate. Giappone e Stati Uniti d’America sono gli unici paesi industrializzati a prevedere nel proprio sistema giudiziario la pena capitale e sono inclusi nell'elenco dei 24 stati che hanno eseguito condanne a morte nel 2007. Il 10 aprile 2008 l’impiccagione di 4 condannati ha fatto salire a 7 il numero delle esecuzioni avvenute nell'anno e a 10 quelle portate a termine durante il dicastero dell’attuale Ministro della giustizia Hatoyama Kunio, al quale anzitutto si deve l’escalation. Infatti, nel settembre 2007, non appena salito in carica, il Ministro aveva annunciato l’intenzione di abrogare la norma del codice di procedura penale secondo la quale l’ordine di esecuzione dev’essere firmato dallo stesso Ministro della giustizia, favorendo di fatto l’esecuzione automatica della condanna una volta trascorsi sei mesi dalla fine della procedura d’appello.
Del resto, il Ministro è sostenuto dall’opinione pubblica del suo paese, la maggioranza della quale ritiene che la pena di morte sia giustificata nel caso di reati efferati come la pedofilia e l’omicidio.
Anche il numero delle condanne a morte non sembra ridimensionarsi: sono salite a 23 quelle emesse nel corso del 2007, il numero più alto dal 1962, mentre sono ormai oltre 100 i prigionieri rinchiusi nel braccio della morte.
NO ALLA PENA DI MORTE.......

 
Cartellino rosso alla pena di morte in Giappone.
Amnesty International in collaborazione con la trasmissione radiofonica Zapping di Aldo Forbice ha rilanciato la campagna per l'abolizione della pena di morte in Giappone dopo le esecuzioni di Yoshiteru Hamasa e Tatsuya Haruta, avvenute per impiccagione nel settembre scorso, che hanno portato a 43 il numero di condanne eseguite negli ultimi 10 anni.

Avviata già nel giugno del 2002 in occasione dei mondiali di calcio, la campagna "Cartellino rosso alla pena di morte" si rivolge direttamente al primo ministro Koizumi attraverso la firma di un appello - cartellino rosso per richiedere l'abolizione della pena di morte. Il 27 giugno 2002 Amnesty Italia e Zapping hanno consegnato all'Ambasciata Giapponese oltre 4000 cartellini rossi di adesione alla campagna.

Oggi in Giappone sono 110 i condannati a morte, la maggioranza dei quali vive in isolamento, costretti a video-sorveglianza 24 ore su 24 a luci sempre accese. La corrispondenza sia in entrata sia in uscita è sottoposta a censura, i permessi per i colloqui (consentiti solo con i congiunti) sono rari e avvengono sempre alla presenza di una guardia carceraria, l'assistenza medica è carente e le condizioni carcerarie molto dure. Queste limitazioni determinano, nel lungo periodo, esaurimenti nervosi e gravi problemi sia fisici sia psicologici.
L'esecuzione della sentenza avviene generalmente per impiccagione e in qualsiasi momento; il condannato viene informato la mattina stessa, mentre i famigliari e l'avvocato sono avvertiti solo a sentenza eseguita ed hanno 24 ore di tempo per ritirare la salma.
Dal 1975 in Giappone non è più stata concessa clemenza nei confronti dei condannati a morte.
La pena di morte in Giappone è una drammatica realtà che spesso si consuma lontano dagli occhi del mondo e pressoché sconosciuta ai suoi cittadini.
Il Consiglio d'Europa ha stabilito che il Giappone sia sottoposto ad una verifica internazionale riguardo l'applicazione della pena di morte e nel maggio 2002 attraverso una risoluzione ha richiamato il Giappone a dichiarare un'immediata moratoria sulle esecuzioni, in caso contrario il Giappone avrebbe perso il suo status di osservatore al Consiglio d'Europa.


FRANCESCO REDI
il bacco in toscana

Dell’Indico Orïente
Domator glorïoso, il Dio del Vino
Fermato avea l’allegro suo soggiorno
Ai colli Etruschi intorno;
5E colà dove imperïal palagio
L’augusta fronte in vêr le nubi innalza,
Su verdeggiante prato
Con la vaga Arïanna un dì sedea,
E bevendo e cantando
10Al bell’idolo suo così dicea:

Se dell’uve il sangue amabile
Non rinfranca ognor le vene,
Questa vita è troppo labile,
Troppo breve e sempre in pene.
15Sì bel sangue è un raggio acceso
Di quel Sol che in ciel vedete;
E rimase avvinto e preso
Di più grappoli alla rete.
Su su dunque in questo sangue
20Rinnoviam l’arterie e i musculi;
E per chi s’invecchia e langue
Prepariam vetri maiusculi:
Ed in festa baldanzosa
Tra gli scherzi e tra le risa
25Lasciam pur, lasciam passare
Lui, che in numeri e in misure
Si ravvolge e si consuma,
E quaggiù Tempo si chiama;
E bevendo, e ribevendo
30I pensier mandiamo in bando.

Benedetto
Quel Claretto,
Che si spilla in Avignone,
Questo vasto bellicone
35Io ne verso entro ’l mio petto;
Ma di quel, che sì puretto
Si vendemmia in Artimino,
Vo’ trincarne più d’un tino;
Ed in sì dolce, e nobile lavacro,
40Mentre il polmone mio tutto s’abbevera,
Arïanna, mio Nume, a te consacro
Il tino, il fiasco, il botticin, la pevera.
Accusato,
Tormentato,
45Condannato
Sia colui, che in pian di Lecore
Prim’osò piantar le viti;
Infiniti
Capri e pecore
50Si divorino quei tralci,
E gli stralci
Pioggia rea di ghiaccio asprissimo:
Ma lodato,
Celebrato,
55Coronato
Sia l’eroe che nelle vigne
Di Petraja e di Castello
Piantò prima il Moscadello.
Or che stiamo in festa e in giolito,
60Béi di questo bel crisolito,
Ch’è figliuolo,
D’un magliuolo
Che fa viver più del solito:
Se di questo tu berai,
65Arïanna mia bellissima,
Crescerà sì tua vaghezza,
Che nel fior di giovinezza
Parrai Venere stessissima.
Del leggiadretto,
70Del sì divino
Moscadelletto
Di Montalcino
Talor per scherzo
Ne chieggio un nappo;
75Ma non incappo
A berne il terzo;
Egli è un vin, ch’è tutto grazia,
Ma però troppo mi sazia.
Un tal vino
80Lo destino
Per stravizzo e per piacere
Delle vergini severe,
Che racchiuse in sacro loco
Han di Vesta1 in cura il foco;
85Un tal vino
Lo destino
Per le dame di Parigi,
E per quelle,
Che sì belle
90Rallegrar fanno il Tamigi:
Il Pisciancio del Cotone,
Onde ricco è lo Scarlatti,
Vo’ che il bevan le persone,
Che non san fare i lor fatti.
95Quel cotanto sdolcinato,
Sì smaccato,
Scolorito snervatello
Pisciarello di Bracciano,
Non è sano,
100E il mio detto vo’ che approvi
..............ecc.

TOMMASO CRUDELI

martire dell'intolleranza religiosa..........


Tommaso Crudeli (Poppi, 1703 - Poppi, 27 marzo 1745) è stato un letterato e massone, perseguitato dall'Inquisizione.
Dottore in utroque iure presso l'Università di Pisa (1722), dove fu allievo di Bernardo Tanucci. Finiti gli studi, si trasferì per un breve periodo a Venezia come precettore presso la famiglia Contarini.
Tipico esempio di libero pensatore anticlericale, fu altresì un brillante poeta e letterato. Nel 1735 si iscrisse alla loggia fiorentina della Massoneria, fondata da alcuni inglesi attorno al 1732, che servì come segretario. In quegli anni la Massoneria aveva acquistato sempre più influenza nella vita politica fiorentina del tempo, soprattutto dopo la morte nel 1737 di Gian Gastone de' Medici, a cui succedeva il nuovo granduca Francesco Stefano di Lorena, affiancato al governo dello Stato toscano dal principe Marc de Craon, i quali erano entrambi "fratelli". Nonostante ciò la pubblicazione della bolla In eminenti Apostolatus specula (aprile 1738), che conteneva la scomunica della Massoneria, contribuì a rimescolare le carte. Il cardinale fiorentino Neri Maria Corsini, nipote di Clemente XII, insieme all'inquisitore Paolo Ambrogio Ambrogi coordinarono l'offensiva del partito curiale contro i massoni fiorentini. la vittima più illustre fu proprio Crudeli, che fu arrestato il 9 maggio 1739. Dopo un anno di dura carcerazione e interrogatori, che ne minarono profondamente il fisico già debilitato dalla tubercolosi e dall'asma, grazie alle sue protezioni politiche Crudeli fu trasferito, nel giugno 1740, dalle prigioni del Sant'Uffizio a quelle della Fortezza da Basso, gestite dal governo fiorentino. Ma il 20 agosto 1740 arrivò comunque la sentenza di condanna (per lettura di libri proibiti e blasfemia): Crudeli fu confinato a Poppi e poi a Pontedera. Nell'aprile 1741 gli fu concessa la grazia. Trascorse gli ultimi anni principalmente a Firenze. Morì a Poppi nel 1745.

giovedì 30 luglio 2015

APPELLO AL M5S…….

Questo mio appello nei vostri confronti non vuol essere né una provocazione né tanto meno una presa in giro. La mia proposta è veramente sincera ed estremamente onesta.

Premesso che io non ho stima nei vostri confronti ed i motivi non li sto a ripetere, mi sembra di non aver mai perso occasione per elencarveli… le cose che sto per chiedere, per me sono così importanti, che mi tapperò il naso rivolgendomi al vostro movimento.                     In continuazione vi vantate di essere dalla parte dei cittadini, ho onestamente molti dubbi nel vostro disinteressato impegno. Ora c’è un’occasione unica per dimostrare che voi avevate ragione ed io torto.

Impegnatevi per realizzare una normativa sul fine vita ed una legge seria ed efficace sulla possibilità di poter scegliere l’eutanasia. Tutti i paesi evoluti hanno leggi equilibrate che regolano materie così importanti e così delicate. Forse anche il nostro paese merita di potersi allineare con le nazioni civili.

La seconda questione che mi sta particolarmente a cuore è l’abolizione o almeno la modifica
della Legge n.222 del 20 maggio 1985 che regola la distribuzione dell’8 per 1000. Modificare questa iniqua legge in modo che debbano pagare solo chi sottoscrive l’elargizione dell’obolo e non più tutti gli ignari contribuenti. Sarebbe molto bello aggiungere  all’elenco dei beneficiari anche le grandi istituzioni culturali, tipo fondazioni liriche, grandi musei, siti archeologici ecc.  Sarebbe un grande guadagno per la nostra ITALIA.

Se Voi cari PENTA STELLATI vi impegnerete seriamente in queste battaglie di civiltà, io sarò sempre con voi, appoggiando le vostre iniziative……………ed ora vediamo da che parte state…………

 


 

mercoledì 29 luglio 2015

MOLTI CITTADINI NON SANNO.........
8 per mille: cos’è?
L’8 per 1000 nasce nel 1985 ed è un gettito Irpef da destinare allo Stato italiano o alla Chiesa Cattolica o ad altre religioni che abbiano concordato alcuni termini con Stato e Santa Sede.
È una possibilità che viene data al contribuente di destinare una parte dei propri soldi ad un buon fine specifico, quindi non è assolutamente obbligatorio destinare l’8 per mille all’interno del 730.
Ma non tutti sanno che l’8 per mille di chi non ha indicato nulla nel proprio modello 730 viene comunque diviso tra i vari enti e associazioni, basandosi in proporzione alle preferenze invece espresse dai cittadini
Questo è il motivo per cui c'è la corsa da parte di molte organizzazioni di fare accordi con lo Stato......e gli ignari cittadini pagano.

martedì 28 luglio 2015

NESSUNO TOCCHI CAINO
la pena di morte nel civile Giappone.


La pena di morte è prevista per 13 reati ma, in pratica, viene applicata solo per omicidio.
La morte avviene tramite impiccagione: i detenuti, incappucciati e bendati, sono messi sopra una botola che poi viene aperta all’improvviso. I detenuti di solito non sono informati sulla data fino al giorno dell’impiccagione. Poiché sono avvertiti solo un’ora prima dell’esecuzione, i detenuti non possono incontrare i parenti o presentare un appello finale. Familiari e avvocati sono generalmente informati dopo l’esecuzione, alla quale non possono assistere nemmeno gli avvocati.
I detenuti sono rinchiusi in strette celle isolate e monitorati da telecamere 24 ore su 24, mentre mangiano, usano il bagno o fanno qualsiasi altra cosa. È vietato che parlino tra loro. A meno di recarsi alla toilet, i prigionieri non possono muoversi all’interno della cella e devono restare seduti, se si muovono, cadono o si sdraiano, immediatamente le guardie li costringono a rimettersi seduti. Inoltre risultano fortemente limitati gli accessi all’aria aperta e alla luce naturale. Rischiano anche pene supplementari per la loro condotta contraria alle strette regole a cui sono sottoposti. Il loro contatto con il mondo esterno è limitato a scarse, controllatissime visite di parenti e avvocati che in alcuni casi possono essere limitate a meno di cinque minuti. Non sono consentiti passatempi o televisione, è consentito possedere tre libri soltanto, anche se altri possono essere presi a prestito con il permesso del direttore purché il loro contenuto non sia giudicato “sovversivo”. L’esercizio fisico è limitato a due brevi sedute alla settimana fuori dalle celle, quattro pareti massicce e una piccola finestra.
In una recente indagine sui condannati a morte, molti di loro hanno detto che desiderano essere avvisati in anticipo della data di esecuzione invece di essere informati la mattina stessa del giorno in cui stanno per essere impiccati. La maggior parte di loro ha anche chiesto una revisione del metodo di esecuzione, molti che hanno detto di preferire l’iniezione letale alla forca.
Il Giappone ha mantenuto il massimo riserbo sulle esecuzioni fino al dicembre 2007. Prima, il Governo si limitava a dichiarare il numero di detenuti giustiziati, rifiutando perfino di rivelarne i nomi. Le esecuzioni, che il più delle volte erano effettuate d’estate e alla fine dell’anno, avvenivano quando la Dieta, il Parlamento giapponese, era in vacanza per evitare la discussione parlamentare.
Con l’entrata in carica nell’agosto 2007 dell’allora Ministro della Giustizia Kunio Hatoyama, esplicito sostenitore della pena capitale, i principi e i tabù che il Giappone aveva mantenuto nei riguardi della pena di morte si sono andati sempre più rompendo.
Nel dicembre 2007, con le prime esecuzioni del governo di Fukuda, il Ministro della Giustizia ha rotto con la tradizione, che voleva il segreto sulle esecuzioni, pubblicando i nomi e i crimini di tre prigionieri giustiziati. Anche la tradizione di non eseguire sentenze capitali mentre il Parlamento è in sessione, nel tentativo di evitare inutili controversie, è stata rotta.
Con il governo di Yukio Hatoyama entrato in carica nel settembre 2009, il nuovo Ministro della Giustizia, Keiko Chiba, ha chiesto un ampio dibattito pubblico sull’eventualità di abolire nel Paese la pena di morte e che su questa realtà ci sia maggiore trasparenza. “Spero che l’opinione pubblica rifletta sul tema della pena capitale e confido di poter creare dei forum per il dibattito”, ha ribadito il Ministro il 30 settembre. “Spero che poco alla volta si possa allargare il dibattito, in una forma o nell’altra, anche rendendo conosciute dalla pubblica opinione le informazioni e i luoghi legati alla pena di morte. Sono convinta che sia difficile far progredire il dibattito senza che l’opinione pubblica conosca questa realtà.”
Nel 2009, nel quadro di un progetto di riforma della giustizia più ampio, sono entrate in vigore norme per introdurre la partecipazione dei cittadini in alcuni processi penali come giudici onorari, i quali costituiscono la maggior parte dei collegi giudicanti, composti da tre giudici togati e sei comuni cittadini. I giudici non togati non formano una giuria separata dai giudici togati, come in un sistema di common law, ma partecipano al processo come giudici inquirenti che attivamente analizzano ed esaminano le prove presentate dalla difesa e dall’accusa, secondo la tradizione del diritto civile. In Giappone, non v’è alcuna procedura speciale per la selezione dei giudici non togati da utilizzare in processi potenzialmente capitali. Il sistema misto di giudici onorari e togati è stato introdotto per riflettere il "senso comune" nei processi penali, che sono stati spesso criticati in quanto poco comprensibili e lontani dal sentimento popolare.
Ottenere una revisione del processo o una commutazione della pena in appello è un evento abbastanza raro in Giappone. Ma dopo il 2009, con l’introduzione delle corti composte anche da giudici non togati, alcuni casi di commutazione in appello si sono registrati.
Al 4 febbraio 2015, un totale di 22 condanne a morte sono state emesse da collegi composti da giudici togati e sei comuni cittadini. 
Il 27 agosto 2010, le autorità giapponesi hanno mostrato alla stampa una stanza per le esecuzioni, consentendo così per la prima volta all’opinione pubblica nipponica di vedere il luogo dove i condannati a morte vengono impiccati. Il tour per i giornalisti, durato circa 30 minuti, è stato organizzato dal Ministero della Giustizia nella “Detention House” di Tokyo, sulla base delle istruzioni fornite dal Ministro della Giustizia Keiko Chiba. Funzionari della struttura carceraria e del Ministero hanno accompagnato fino alla stanza delle esecuzioni una ventina di giornalisti, con il divieto assoluto di parlare e di portare altro che penna e blocco per appunti. La prima tappa è stata la stanza del cappellano, nominato dalle autorità della prigione, a cui i prigionieri possono rivolgersi. La stanza ospita una statuetta di Buddha, tuttavia su richiesta è possibile avere ornamenti cristiani o scintoisti. Nella stanza sono offerti ai prigionieri tè, frutta o dolci. Poi i reporter sono stati accompagnati nella stanza che precede quella delle impiccagioni, dove ai detenuti è concessa l’ultima possibilità di parlare con il cappellano. E’ qui che il capo del carcere annuncia formalmente le esecuzioni. I prigionieri sono poi bendati, ammanettati e scortati nella stanza delle impiccagioni. Una tenda separa la stanza delle esecuzioni da quella precedente, impedendo così ai detenuti di vedere la corda che, fissata al pavimento, pende da una carrucola posta sul soffitto. Nella camera delle esecuzioni, le gambe del prigioniero vengono legate, il cappio viene stretto intorno al collo e il prigioniero sta in piedi al centro di un quadrato rosso, posto in corrispondenza della botola. Poi tre addetti entrano in una stanza laterale in cui ci sono tre bottoni, che sono premuti nello stesso momento in modo da non sapere chi effettivamente apra la botola. Dalla stanza a loro riservata, i funzionari assistono all’impiccagione. Dopo che un medico ha confermato il decesso, entro cinque minuti il corpo viene sistemato nella bara.
Il 21-22 maggio 2013, il Giappone è stato esaminato dal Comitato Contro la Tortura delle Nazioni Unite. Il Comitato ha espresso profonda preoccupazione su molte questioni: le condizioni di detenzione dei detenuti nel braccio della morte, in particolare per quanto riguarda la segretezza e l’incertezza ingiustificate che circondano l’esecuzione dei condannati; l’isolamento dei condannati a morte, in alcuni casi superiore a 30 anni; la mancanza di un sistema di ricorso automatico nei casi capitali, considerato che un numero crescente di imputati sono stati condannati a morte, senza poter esercitare il loro diritto di ricorso. Il Comitato ha inoltre esortato il Governo a informare i condannati a morte e le loro famiglie con un ragionevole anticipo della data prevista e dell’ora dell’esecuzione e a rivedere il sistema di isolamento dei condannati a morte. Il Comitato ha esortato le autorità a fornire i dati sui condannati a morte, disaggregati per sesso, età, razza e reato e a prendere in considerazione la possibilità di abolire la pena di morte.
Nel dicembre 2011, il Ministero della Giustizia ha reso noto che circa la metà dei prigionieri nel braccio della morte in Giappone viene trattata con psicofarmaci a causa dello stress mentale che si manifesta con insonnia e allucinazioni, sintomi che possono essere causati dal confinamento in spazi chiusi per lunghi periodi di tempo. In base alla legge giapponese, se un detenuto del braccio della morte è dichiarato insano di mente, il Ministro della Giustizia ordinerà la sospensione dell’esecuzione. Tuttavia, un alto funzionario del Ministero ha detto che attualmente “non ci sono detenuti malati di mente nel braccio della morte”.
Dal novembre 1989 al marzo 1993 vi è stata una sospensione di fatto delle esecuzioni, in parte dovuta alla personale contrarietà alla pena di morte dell'allora Ministro della Giustizia facente funzioni. A partire dalla metà degli anni ‘90 si è assistito ad una ripresa della pena di morte con un’accelerazione negli anni 2000.
Dopo che nel 2011, nessun prigioniero è stato messo a morte nel Paese, nel 2012 sono state giustiziate 7 persone, mentre 3 sono state condannate a morte, 8 in meno rispetto all’anno precedente. Nel 2014, il Giappone ha giustiziato 3 persone, contro le 8 del 2013.
Al 26 dicembre 2014, c’erano 129 detenuti nel braccio della morte, secondo un rapporto del Ministero Giustizia. Il Ministero ha detto che cinque condannati a morte sono morti di malattia nel 2014, tra cui un uomo di 92 anni.
Sotto il precedente governo del Partito Liberal-Democratico, sette prigionieri sono stati impiccati nel 2009, quindici nel 2008, nove nel 2007 e quattro nel 2006. In Giappone c’è stata una moratoria di fatto delle esecuzioni durata 15 mesi, fino al 2006, che ha coinciso con il mandato del Ministro della Giustizia dell’epoca, Seiken Sugiura, contrario alla pena capitale per il suo credo buddista.
Il Ministero della Giustizia ha continuato a dibattere sulla pena capitale da quando il Partito Democratico è salito al potere nel 2009 dopo oltre 50 anni di praticamente ininterrotto governo dei conservatori. Il Ministro Keiko Chiba ha autorizzato e personalmente assistito a due impiccagioni nel luglio 2010, nonostante la sua opposizione alla pena capitale. Il suo successore Toshio Ogawa, ha inviato tre detenuti al patibolo nel marzo 2012 e ha inoltre eliminato un gruppo di studio interno a marzo 2012, cancellando l’intenzione di istituire un panel di discussione più ampio sul tema, sostenendo che i pro e i contro sono stati discussi a sufficienza e che la decisione finale dovrebbe essere lasciata alla pubblica opinione, che nella stragrande maggioranza sostiene la pena di morte. Anche il terzo il Ministro della Giustizia del Partito democratico, Makoto Taki, ha inviato quattro detenuti al patibolo.
Il 26 dicembre 2012, dieci giorni dopo la schiacciante vittoria del Partito Liberal-Democratico alle elezioni anticipate, Shinzo Abe è stato eletto Primo Ministro del Giappone. Il nuovo Ministro della Giustizia Sadakazu Tanigaki ha espresso un atteggiamento positivo verso le esecuzioni. “Il sistema della pena di morte ha una sua ragione d’essere e farò il mio dovere secondo le leggi in materia”, ha detto in una conferenza stampa.
Da quando il Partito Liberal Democratico ha riacquistato le redini del governo nel dicembre 2012, la durata media tra la finalizzazione della condanna a morte e l’esecuzione della pena si è ridotta della metà rispetto a quella degli ultimi 10 anni. Secondo il Ministero della Giustizia, il periodo medio tra condanna definitiva ed esecuzione della pena è pari a circa cinque anni e sette mesi per i condannati le cui pene capitali sono state eseguite tra il 2003 e il 2012.
A seguito delle tre esecuzioni del febbraio 2013, il Ministro della Giustizia ha detto che “Si trattava di casi estremamente crudeli in cui le vittime sono state private delle loro vite preziose per ragioni molto egoistiche”, chiarendo che non ha alcuna intenzione per il momento di rivedere il sistema capitale. Ha insistito nel dire che qualsiasi dibattito sulla pena di morte dovrebbe essere basato sulla “situazione interna” del Giappone, tenendo conto dell’opinione pubblica e del mantenimento dell’ordine pubblico, piuttosto che dei movimenti oltre i confini del Paese. “Sono consapevole che ci sono stati vari dibattiti sulla pena di morte, con alcune persone che sono a favore e altre che sono contro. Ma il nostro Paese ha mantenuto questo sistema per il suo effetto deterrente e in ragione dei sentimenti delle famiglie delle vittime”, ha detto Tanigaki. “Se ci sono dei problemi, dobbiamo apportare dei miglioramenti.”
L’11 settembre 2014, il nuovo Ministro della Giustizia Midori Matsushima, appena nominata, ha sostenuto in un’intervista che la pena di morte funzioni da deterrente contro il crimine. Rilevando che la pena di morte gode di un forte sostegno pubblico, il Ministro – ex reporter dell’Asahi Shimbun – ha detto che l’abolizione della pena capitale sarebbe inopportuna alla luce dei ricorrenti crimini efferati che avvengono in Giappone. "So che ci sono varie opinioni critiche quando si tratta di pena di morte", ha dichiarato Matsushima, “ma non credo che serva alcuna riforma immediate”.
Nel difendere la pena di morte, il Governo cita sempre lo schiacciante sostegno popolare alla sua pratica. Il Governo fa questa rilevazione sulla pena capitale ogni cinque anni e, nell'ultimo sondaggio, condotto in forma di intervista dal 13 al 23 novembre 2014 su 3.000 adulti, l’80,3% degli intervistati considera la pena di morte una sanzione "lecita", mentre solo il 9,7% ritiene che dovrebbe essere abolita. Coloro che hanno risposto "non so" o "non posso rispondere sì o no" sono stati il 9,9%. Quando viene chiesto di citare le loro ragioni – con risposte multiple consentite – il 53,4% di coloro che considerano la pena capitale ammissibile ha detto che la rabbia delle vittime non potrebbe mai quietarsi se il sistema venisse abolito e i colpevoli fossero tenuti in vita. Un altro 52,9% ha risposto che gli autori di crimini efferati devono pagare con la loro vita. Tra coloro che si oppongono alla pena di morte, il 46,6% ha citato potenziali errori giudiziari e il 41,6 ha detto che i colpevoli devono essere tenuti in vita per espiare i loro crimini. Agli intervistati nell'ultimo sondaggio è stato per la prima volta chiesto se avrebbero sostenuto l'abolizione della pena di morte nel caso in cui il Giappone introducesse l’ergastolo senza condizionale. I favorevoli sono saliti a 51,5%, contro il 37,7 che ancora voleva mantenere la pena di morte.
Nella rilevazione precedente del dicembre 2009, l’85,6% ha detto che “la pena di morte è inevitabile in determinate circostanze”, mentre il 5,7% ha detto che “la pena di morte dovrebbe essere abolita in ogni circostanza” e l’8,6% ha dichiarato “non so”. Coloro i quali la ritenevano ammissibile erano stati l’81,4% nel sondaggio del 2004.
Il 27 novembre 2012, un esperto di scienze dell’informazione ha contestato il modo di fare i sondaggi di opinione sulla pena di morte e la lettura dei dati da parte del governo giapponese. “E’ stato riportato che più dell’80% approva la pena di morte, ma vista dal punto di vista tecnico, non è ragionevole fare una tale generalizzazione”, ha detto Fumiyasu Yamada, professore di scienze dell’informazione alla Shizuoka University. Riguardo il sondaggio del dicembre 2009 commissionato dal Governo,Yamada ha osservato che il 34,2% di coloro che hanno definito la pena di morte “inevitabile”, ha anche detto nella stessa indagine che la pena di morte “potrebbe essere abolita in futuro se la situazione cambiasse”. Tenuto conto di questa cifra, è “naturale vedere che chi vuole conservare la pena di morte sono più del 50%, e quelli che vogliono la sua eliminazione o un passo verso l’eliminazione costituiscono poco più del 30%”, ha detto Yamada che ha anche criticato una delle opzioni nel sondaggio, quella secondo cui la pena di morte “dovrebbe essere abolita in ogni circostanza”, un’espressione “troppo forte” che “rende difficile per le persone la sua scelta”. Proporre una domanda del genere è “di parte”, ha aggiunto Yamada che ha anche detto che il sondaggio non riflette l’intero Paese, dal momento che i questionari sono stati raccolti solo da circa i due terzi del campione rappresentativo.
Anche uno studio del novembre 2013 evidenzia “gravi pecche” nella convinzione del Governo che la pena di morte sia generalmente popolare e dovrebbe pertanto essere mantenuta. Mai Sato, del Centre for Criminology presso la Oxford University, ha dimostrato che le opinioni sono molto meno radicate di quanto si pensi, soprattutto dopo che le persone sono state opportunamente informate sul tema. Secondo la ricercatrice, le domande utilizzate nei sondaggi d’opinione del Governo sono formulate in modo tale da tradursi in un livello esagerato di favore alla pena di morte. Sato ha deciso di condurre la sua indagine su circa 20.000 persone in Giappone e ha dato agli intervistati cinque opzioni per quanto riguarda la pena di morte: deve essere assolutamente mantenuta (44 per cento); dovrebbe essere probabilmente mantenuta (36); non si può dire (16), dovrebbe probabilmente essere abolita (3) e dovrebbe assolutamente essere abolita (1). I risultati mostrano che, piuttosto che essere a favore in maniera schiacciante, poco più della metà del pubblico giapponese è “indecisa” o “tiepida” verso la pena di morte. Sato ha poi preso 1.000 persone e le ha divise in due gruppi, ognuno dei quali aveva una quota uguale di favorevoli, contrari e indecisi. Il primo gruppo è stato informato di diversi fatti sulla pena di morte – come le procedure di esecuzione e la possibilità di errori giudiziari – mentre l’altro gruppo non ha ricevuto alcuna informazione aggiuntiva. I risultati hanno evidenziato nel primo gruppo un 36 per cento di favorevoli a mantenere la pena di morte contro il 46 per cento del secondo gruppo. Uno studio finale ha visto un gruppo di persone decidere sulla questione per un giorno. I risultati hanno mostrato opinioni spesso oscillanti, coi partecipanti sempre più tolleranti verso il punto di vista opposto. Invece di misurare il sostegno alla pena di morte, secondo Sato, il Governo dovrebbe misurare il livello di tolleranza verso la sua abolizione, perché la sua ricerca mostra una maggioranza dell’opinione pubblica giapponese disposta ad “accettare o tollerare” l’abolizione. 
Il 31 ottobre 2012, il Giappone è stato sottoposto alla Revisione Periodica Universale del Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU. Il 14 marzo 2013, il Giappone ha respinto la raccomandazione fatta da più di 20 Stati membri di introdurre una moratoria sulle esecuzioni in vista della completa abolizione. Takashi Okada, rappresentante permanente del Giappone a Ginevra, ha detto che il Giappone non ritiene che sia opportuno abolire la pena di morte.
Il 18 dicembre 2014, il Giappone ha votato contro la Risoluzione per una Moratoria delle esecuzioni capitali all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.



GRILLO IL MODERNO MUSSOLINI………
I suoi seguaci i nuovi squadristi
Come il dittatore fascista Benito Mussolini prima di lui, anche il comico Beppe Grillo ha la passione di riempire le piazze e infiammare le folle. I cori appassionati ‘Du-ce! Du-ce!’ di un tempo, si sono trasformati in ‘Bep-pe! Bep-pe!’. Ma non è solo l’esigenza di urlare e sfogarsi davanti a folle di perfetti sconosciuti che accomuna Beppe il capellone e il calvo Benito. Purtroppo per l’Italia e per l’Europa (dove la democrazia sembra incapace di risolvere la crisi esistenziale) c’è dell’altro.
Beppe Grillo ha fondato il MoVimento 5 Stelle (M5S) a Milano il 4 ottobre 2009. La V maiuscola richiama il suo slogan personale, l’esclamazione ‘Vaffa!’ che nel suo caso è rivolta più o meno a tutto, esclusi i parchi eolici. Ai suoi raduni non fa che ripetere, urlando a squarciagola, “Arrendetevi! Siete circondati!”. Un’espressione molto popolare nella tradizione fascista italiana. Con essa Grillo si rivolge a tutti i politici italiani, esclusi quelli del suo partito.
A meno di quattro anni dalla sua nascita, il movimento si è aggiudicato il 26% dei voti alle elezioni di questa settimana, alquanto inconcludenti, diventando così il partito più numeroso alla Camera. Non è un partito, insiste l’ecofascista. È un movimento. I partiti, ribadisce, sono il problema, non la soluzione.
Il 23 marzo 1919, a Milano, Mussolini fondò i Fasci di Combattimento e meno di quattro anni più tardi divenne Presidente del Consiglio. Ripeteva che il Fascismo non era un partito, ma un movimento. E ribadiva che i partiti erano il problema, non la soluzione. Il Fascismo doveva essere l’“anti-partito”, composto da spiriti liberi che rifiutavano di indossare le camicie di forza imposte dai dogmi e dalle dottrine dei partiti. Esattamente quello che Grillo dice del suo movimento………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….. Poco dopo aver fondato il Fascismo, Mussolini scrisse che era “difficile da definire”. Il Fascismo non aveva “statuti” o “programmi trascendentali”. Pertanto era “naturale” che attraesse “i giovani” e non gli anziani, normalmente più propensi a rifiutare la sua “freschezza”.
Il manifesto di Grillo si chiama “Il non statuto”. Nel suo blog dice “siamo persone giovani (…) un movimento, cioè tante persone che si uniscono dal basso per un obiettivo comune. Non abbiamo strutture, gerarchie, capi, segreterie…nessuno ci dà ordini dall’alto.”
Benvenuti nella nuova era fascista.

Purtroppo ci risiamo……sono i corsi e ricorsi della storia !!!!!!!

lunedì 27 luglio 2015

RIFLESSIONI A RUOTA LIBERA……
Alcuni giorni or sono mi sono permesso di esprimere alcune considerazioni sul comportamento tenuto dai giovani di oggi.  Ragazzi senza particolari interessi ma soprattutto pieni di pre-giudizzi con venature razziste. Riporto qui di seguito i miei pensieri che ritenevo e ritengo tutt’oggi assolutamente non offensivi ed anche scontati nella loro banalità…… “È davvero avvilente vedere dei giovani solo anagraficamente parlando che nella realtà son vecchi più dei vecchi. Ragazzi con la testa piena di pregiudizi di rancore con pochissima cultura umanistica. Che accettano senza la curiosità, tipica dei giovani, ogni bufala che gli viene propinata. Bravi a rivogare frasi fatte da altri senza nessun spirito critico o di indagine. Cultura 0 ignoranza 1000000.00000 è proprio il caso di dire che siamo di fronte a dei veri e propri lobotomizzati. Se questi rappresentano il nostro futuro la vedo davvero dura per la nostra civiltà.”
Di fronte a questa mia analisi sulla quale si può o non si può essere d’accordo ho ricevuto due post di due persone differenti che mi hanno lasciato interdetto oserei dire basito per la loro incongruenza con il contenuto, ripeto banale, di ciò che ho scritto. Sono sicuro che almeno una di queste non leggerà queste mie riflessioni poiché mi ha cassato su Facebook.
Proprio quest’ultima mi ha consigliato di rispettare di più i giovani visto che Sensei ripone tanta fiducia in loro. Per i non addetti Sensei è l’appellativo che viene dato a D. IKEDA presidente della Soka Gakkai Internetional organizzazione laica Buddista che ha molti seguaci in Italia. Io ho molta fiducia nei giovani ho tanta fiducia che sono sempre e comunque dalla loro parte, anche se qualche volta, quando lo meritano, devono essere criticati e ripresi, questo per il loro bene. Quando uno sbaglia soprattutto se giovane deve essere corretto quando non si comporta bene. Quindi non capisco cosa c’entri la religione con alcune mie considerazioni sul comportamento biasimevole di alcuni di loro, non lo capisco e non lo capirò mai……è una inutile forzatura. Ed alla mia risposta che ero assolutamente indifferente a ciò che pensava IKEDA in materia, apriti cielo, sono stato accusato di essere arido, con un cuore cattivo e pertanto venivo abbandonato al mio triste destino……proprio un comportamento da vera Buddista complimenti cara signora Lei ha veramente capito tutto, il Buddismo mette in prima fila la compassione e Lei non ne ha neanche un briciolo. Mi ha accusato di aver offeso il suo maestro che dovrebbe essere anche il mio. Cara ex amica mi consenta di dirLe che i miei veri  ed unici maestri sono Buddha shakyamuni e Nichiren, le persone passano l’unica cosa eterna è LA LEGGE MISTICA DEL SUTRA DEL LOTO ed io la rispetto ed ho fede in essa.

La seconda persona mi ha scritto il post che segue, ….. “Certo che se gli intelligenti votano l ebetino.....é tutto un dire!!!....me l hai servita su un piatto d argento Emoticon smile.....buonanotte “ Ci vedete il nesso con  quanto ho affermato nelle mie brevi riflessioni ???????? Io no, nel modo più assoluto non ci trovo nessun contatto. Questi militanti del M5S non perdono occasione per inserire le loro farneticazioni politiche. Sono persone estremamente pericolose, violente e arroganti. Solo loro sono gli onesti solo loro hanno ragione e noi che non la pensiamo allo stesso modo veniamo messi alla berlina ed additati al pubblico ludibrio. Purtroppo è così e la situazione tenderà a peggiorare sempre più, questi personaggi sono gli squadristi del ventunesimo secolo, ricordano in modo impressionante gli squadristi che nel secolo passato in Italia facevano violenza sugli avversari politici. Tra i due post il punto di contatto è l’offesa, l’arrogante cattiveria e la mancanza di volersi in modo libero e democratico confrontare con uno che la pensa in modo diverso da loro. Persone che partendo da punti apparentemente lontani hanno molti, oserei dire troppi elementi che gli accomuna, però hanno sbagliato persona………… io non mi faccio intimidire da nessuno.
Se non visualizzi correttamente questa email clicca qui


condividi su facebook
Domenica 13 settembre 2015 una catena umana abbraccerà le Tre Cime di Lavaredo
Una catena umana per chiedere libertà, giustizia e pace. Ovunque, per chiunque.
Ciao Guido,
in occasione del suo 40esimo anno di presenza in Italia, Amnesty International sta lavorando, con la collaborazione della ONG “Insieme si può”, alla realizzazione di una grande evento, una catena umana che abbraccerà le tre cime di Lavaredo sulle Dolomiti. L’evento si terrà domenica 13 settembre 2015.

Nella terra di frontiera dove cento anni fa si combatteva la Grande Guerra, seimila persone e dodicimila mani si uniranno in una lunga catena umana per proteggere simbolicamente ogni donna, ogni uomo, ogni bambino a cui ancora oggi sono negati i diritti umani fondamentali: dal diritto alla libertà di espressione al diritto al cibo, dal diritto alla salute a quello all’istruzione, dal diritto di vivere liberi dalla tortura al diritto a un alloggio adeguato.

A te Guido, che hai sempre dimostrato grande sensibilità al tema dei diritti umani nel mondo ed alle nostre iniziative e campagne, chiediamo anche stavolta di essere al nostro fianco in questa occasione straordinaria.
Questo messaggio di libertà, giustizia e pace che la Catena Umana porterà nel mondo, può risuonare ancora più forte grazie alla Tua partecipazione.
Per iscriverti all’evento e accedere a tutte le informazioni digita www.dolomitidirittiumani.org
Nell’eventualità in cui non ti sia possibile partecipare in prima persona ad una giornata così speciale, ti chiediamo di aiutarci a condividere l’evento sui social network per farlo conoscere ai tuoi amici. Puoi seguirci sulla nostra pagina Facebook.
Per un mondo di libertà, giustizia e pace, il 13 settembre 2015, unisciti a noi.
Perché crediamo che il mondo sarà migliore quando, insieme, sentiremo nostre le ingiustizie del mondo.

Il trattamento dei dati degli iscritti alla newsletter è conforme a quanto previsto dal Codice in materia di protezione dei dati personali (decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196). Se non desideri ricevere ulteriormente comunicazioni clicca qui per rimuovere il tuo indirizzo email