lunedì 21 settembre 2015



Borsa: Piazza Affari positiva, Atene giù dopo voto. Volkswagen affonda

Asia incerta, giù Hong Kong. Spread Btp stabile a 110 punti, petrolio e euro rialzo. Atene giù dopo il voto


La Borsa di Milano allunga il passo e l'Ftse Mib sale ora dell'1%. Bene il lusso, con Luxottica che guadagna il 4,3%, grazie al dollaro e alla buona chiusura di Shanghai. Moncler guadagna il 3,2%. Buzzi, Mediaset e Intesa sono in progresso del 2,8%, Eni avanza del 2,6%. Arretra Fca (-1,1%) in una seduta debole per il comparto dell'auto, in scia al tonfo Volkswagen.
Atene apre in calo dello 0,6% dopo vittoria Tsipras - La Borsa di Atene apre in ribasso. con una flessione dello 0,58% per l'indice Ase, dopo la nuova vittoria di Syriza e del premier Alexis Tsipras alle elezioni in Grecia.

Spread Btp stabile a 110 punti  - Lo spread tra il Btp e il Bund apre stabile sui livelli della vigilia a 110 punti con un rendimento all'1,76%.

Euro in lieve rialzo a 1,1310 dollari
 - Euro in lieve rialzo rispetto alla chiusura della vigilia a New York a 1,1310 euro da 1,1293 dopo il voto in Grecia. Contro lo yen la moneta unica vale 135,67.


Petrolio in rialzo a 44,82 dollari  - Il petrolio è in rialzo dello 0,3% in Asia dopo il netto calo della vigilia a 44,82 dollari per il barile Wti. Rialzo dello 0,2% a 47,57 dollari per il Brent.

Asia incerta, giù Hong Kong, bene Shanghai
 - Seduta in calo tra i mercati asiatici, con i listini cinesi in rialzo a fine seduta (+1,3% Shanghai alle 8 circa), dopo le incertezze nel mattino sulla capacità di sostegno degli interventi pubblici. Hong Kong lascia l'1,1%, Seul l'1,5%, Sydney il 2,2%. La giornata sembra all'insegna di incertezze per la crescita globale, con tensioni sulle valute dei paesi emergenti e future sugli indici Usa in calo. Chiusa Tokyo per festività.