martedì 29 settembre 2015




Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata

Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata

Ciao Guido,
mentre ti scriviamo in Yemen si sta combattendo un sanguinoso conflitto.
Una guerra dimenticata, di cui si parla poco, che porta con sé sofferenze insopportabili.
Sono oltre 2100 i civili morti, tra cui centinaia di bambini; più di 1.400.000 gli sfollati, mentre circa l’80 per cento della popolazione necessita di assistenza.
Il dolore di questa guerra è racchiuso nelle parole del fratello di Hamada Adnan Yahya, 12 anni:
“Erano le 8 di mattina e Hamada era andata a prendere dell’acqua dal serbatoio del quartiere. All’improvviso un colpo di mortaio ha colpito il muro accanto al serbatoio e una granata è entrata nella sua coscia. I medici le hanno dovuto amputare la gamba. Aveva la schiena piena di tagli”.
Da quando una coalizione internazionale a guida dell’Arabia Saudita ha attaccato i gruppi armati sei mesi fa, Amnesty ha svolto diverse missioni nel paese.  
Abbiamo raccolto prove, ascoltato le vittime e denunciato le responsabilità di tutte le parti coinvolte e i crimini di guerra commessi. 
Per far conoscere queste violazioni, per fermarle, abbiamo bisogno di te.
Aiutaci a dare giustizia alle vittime e alle loro famiglie.
Grazie

Annunziata Marinari
Responsabile campagne
Amnesty International Italia
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata

Il trattamento dei dati degli iscritti alla newsletter è conforme a quanto previsto dal Codice in materia di protezione dei dati personali (decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196). Se non desideri ricevere ulteriormente comunicazioni clicca qui per rimuovere il tuo indirizzo email

Se non visualizzi correttamente questa email clicca qui