lunedì 14 settembre 2015



Legge Stabilità: Renzi, sarà di circa 27 miliardi di euro

Il premier a Otto e Mezzo

 "La manovra sarà di circa 27 miliardi e non abbiamo da sforare alcun conto: anzi dal prossimo anno scende il debito". Così il premier Matteo Renzi a Otto e Mezzo, ribadendo che 27 miliardi "sono meno tasse e sono tagli; non c'è una tassa che aumenta".

Gli altri passaggi importanti dell'intervistaDEF - "L'Italia ha previsto una crescita dello 0,7% nel 2015. Nell'aggiornamento del Def che sarà venerdì in Consiglio dei ministri sarà alzata dallo 0,7 allo 0,9%. Le cose vanno meglio". Lo ha annunciato il premier Matteo Renzi a Otto e mezzo. "Anche la crescita del 2016 sarà rivista leggermente al rialzo rispetto all'1,4%".
MIGRANTI - "Io, sull'immigrazione, non ho mai visto l'Europa unita e ci ho fatto nottate: a luglio l'Italia con poche partnership, come Malta, era a dire di smettere di pensare che fosse solo il problema di pochi Paesi. C'è tanta strada da fare". Ma "sembra che finalmente i colleghi Ue si siano convinti di 3 cose insieme: centri di identificazione, politica di rimpatrio ma è fondamentale anche la cooperazione internazionale".

BERLUSCONI DA PUTIN - "Il problema Russia non si affronta con passeggiate in Crimea, ma con un lavoro di anni. Chi dice risolvo problema immigrazione andando a passeggiare in Crimea, vi prende in giro". Lo ha detto il premier Matteo Renzi a Otto e mezzo, con implicito riferimento alla visita di Silvio Berlusconi in Crimea al fianco di Vladimir Putin.

RUSSIA IN SIRIA - "Il punto non è se fa bene Putin a mandare soldati in Siria: lui, evidentemente considerando l'amicizia storica con Assad, cerca di preservare quell'amicizia politica e non solo, in assenza di una decisione comune della comunità internazionale". "Noi sosteniamo che la Russia  deve stare dentro una dinamica condivisa di lotta globale ai terroristi, al tavolo internazionale".
FLESSIBILITA' E SPESA - "Dopo il semestre italiano di presidenza dell'Ue abbiamo la possibilità di avere fino all'1% e più, fino a 17 miliardi di flessibilità. Useremo, e non del tutto, le clausole di flessibilità", nella prossima legge di stabilità, "ma non sforiamo" i vincoli europei.

ITALICUM - "Mi sta facendo una domanda su una legge approvata il 29 aprile 2015, cinque mesi fa. Domandi a loro perché hanno cambiato idea, dopo che hanno votato quella legge elettorale". Così il premier ha risposto a chi gli domandava della richiesta di Ncd di cambiare l'Italicum, escludendo modifiche.