venerdì 11 settembre 2015


NESSUNO TOCCHI CAINO
no alla pena di morte.....................
Mohammad Ali Taheri è un cittadino iraniano accusato di "diffondere la corruzione in terra" e per questo condannato a morte.
Taheri non è altro che fondatore di un movimento spirituale che pratica le teorie di medicina alternativa utilizzate in Iran e altrove.
Non ha commesso alcun crimine. Lui vuole curare, non ammazzare.
Viene punito solo per aver pacificamente esercitato i diritti alla libertà di religione, di espressione e di associazione.
Secondo le norme internazionali sui diritti umani, inoltre, la pena di morte può essere utilizzata solo per "i crimini più gravi", considerando tali quelli relative a omicidi intenzionali.
Mohammad Ali Taheri è attualmente in sciopero della fame dal momento che non gli è stato permesso di incontrare il suo avvocato. Alcuni dei suoi seguaci sarebbero stati arrestati e torturati, mentre altri sono in sciopero della fame in solidarietà con Mohammad Ali Taheri.
Nelle ultime due settimane, molte organizzazioni internazionali ed il Dipartimento di Stato americano hanno biasimato la condanna. 
Nel mondo sta crescendo una mobilitazione contro la sua condanna a morte e noi abbiamo intenzione di sostenerla.
Sosteniamo questa battaglia insieme firmando e condividendo questa petizione.
#SALVIAMOMOHAMMAD