domenica 27 settembre 2015


Renzi all'Onu: 'Dall'Italia più fondi a cooperazione sviluppo'

"Saranno stanziati in prossima legge di bilancio"

Il primo ministro Matteo Renzi, intervenendo all'Onu, ha assicurato che l'Italia stanzierà più risorse per la cooperazione. "Avevo annunciato più fondi per la cooperazione allo sviluppo. E due mesi dopo - assicura rivolgendosi agli altri leader delle Nazioni Unite - confermo che il mio governo sta incrementando questi fondi nella legge di bilancio che sarà discussa il mese prossimo in Parlamento".
Piccolo contrattempo per il premier Matteo Renzi che intervenendo all'Onu all'incontro sulle dieseguaglianze di genere, presieduto dal presidente cinese Xi Jinping, si sarebbe improvvisamente ritrovato tra le mani le carte sbagliate. "Mi mancano i fogli giusti, vado direttamente alle conclusioni", ha detto lui stesso ai colleghi che lo stavano ascoltando. Il primo ministro stava ricordando i progressi dell'Italia per quel che riguarda la presenza delle donne nel governo ("sono il 50%" ha sottolineato) e ai vertici delle aziende italiane. Il suo discorso, inoltre, e' stato interrotto più di una volta dalla mancanza di corrente elettrica al suo microfono. La prima volta, il presidente del Consiglio ha reagito con una battuta: "Lo prendo come un messaggio: sii breve". La seconda volta, sempre scherzando, ha detto: "Abbiamo un problema con l'energia". Infine, quando per la terza volta è mancata la corrente al microfono, Renzi sorridendo ha detto: "Per il prossimo anno chiederò un contributo alla presidente della nostra azienda elettrica", riferendosi alla presidente dell'Enel Maria Patrizia Grieco e suscitando le risate dei presenti.