domenica 27 settembre 2015


San Francesco: pellegrinaggio segreto per ricognizione resti. Le immagini esclusive

Ad Assisi nel marzo scorso. Padre Fortunato, come rivedere il papà


"Il custode ha convocato tutte le famiglie francescane presenti ad Assisi, si è vissuto un momento di preghiera e ci si è recati in pellegrinaggio nella cripta di san Francesco. È stato come rivedere la scelta della nostra vita, come rivedere il papà che ci attendeva per incoraggiarci nel cammino, per andare avanti". Così padre Enzo Fortunato, il direttore della Rivista San Francesco di Assisi, ha raccontato a Tv2000 alcuni momenti della ricognizione dei resti mortali di San Francesco d'Assisi, avvenuta in gran segreto lo scorso 25 marzo.
"È stato un silenzio molto forte che ha accompagnato questi momenti", ha detto padre Fortunato a Tv2000, che ha diffuso un video della ricognizione. "Il custode - ha aggiunto - ha comunicato con una riunione solenne, ci ha detto che era arrivato il tempo per verificare le condizioni del corpo di san Francesco, doveva avvenire tutto in gran segreto per non creare clamore".
    Alla ricognizione, insieme a Padre Mauro Gambetti, custode Sacro Convento di Assisi, ha preso parte un unico laico, il professore Nicolò Valentino Miani, il medico che ha guidato le tre ricognizioni del 1978, 1994 e l'ultima del 25 marzo scorso, che ha constatato che negli ultimi 37 anni non vi sono stati cambiamenti di rilievo e che il corpo è in buona conservazione.
    All'interno del Convento di Assisi Tv2000 ha incontrato padre Vladimiro Penev, 89enne arrivato ad Assisi dall'Ungheria nel 1938 e che ha assistito all'ultima e alla prima ricognizione del 1978. "Purtroppo del corpo del santo - ha rivelato padre Vladimiro - era rimasta allora soltanto la cenere, le ossa erano dentro la cassa. A quei tempi hanno raccolto tutta la cenere che era dentro la cassa e l'hanno messa in un'ampolla. Ricordo che in quei tempi c'erano gli esercizi spirituali, vi erano tanti frati cappuccini, padri francescani dell'Osservanza e con grande commozione ci siamo riuniti attorno. Una emozione durata giorni".