martedì 1 settembre 2015

Siriano salvato dopo 13 ore in mare




Ha fatto il giro del mondo la foto dell'abbraccio fra una turista greca a bordo di una barca nell'Egeo con alcuni amici e un profugo siriano stremato, salvato dal gruppo di vacanzieri dopo 13 ore in balia delle onde. "Era quasi incosciente quando l'abbiamo avvistato", racconta Sandra Tsiligeridu sul suo profilo Facebook, dove ha pubblicato l'immagine che la ritrae in un gesto che ha commosso tante persone.

La donna protagonista di questo salvataggio, divenuta un'eroina nei social network, è una ex top model, sposata con un medico, Dimitri, e madre di tre figli. Era a bordo di una barca con il marito e alcuni amici, di ritorno da un'escursione nell'isola di Pserimos, nei pressi di Kos. La foto la ritrae con cappello di paglia e occhiali da sole, mentre stringe a se' l'uomo stremato, avvolto da teli da mare. 

Il profugo - nome dichiarato Mohamed - era partito dalla Turchia su una barca insieme ad altri 40 connazionali, direzione Kos, quando ancora in alto mare gli scafisti hanno perso uno dei remi. L'uomo a quel punto si è tuffato per recuperare il remo ma a causa delle correnti non è riuscito a risalire a bordo. Il siriano è rimasto in acqua per 13 ore ed è vivo solo grazie al giubbino di salvataggio che gli è stato gettato in mare dai connazionali e poi soprattutto grazie all'aiuto provvidenziale dei turisti che lo hanno avvistato, all'inizio scambiandolo per un sub, e poi facendolo salire a bordo per portarlo sulla terraferma.

La foto dell'abbraccio è stata condivisa, solo dal profilo Facebook di Sandra Tsiligeridu, quasi 300 volte e ha ricevuto oltre 2.300 'mi piace', ed è stata ripresa dai media internazionali. Un'immagine simbolica di quanto sta accadendo e, almeno questa volta, una storia a lieto fine.