sabato 2 gennaio 2016

Facebook

Twitter

Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata

Le migliori buone notizie dell'anno

Adrian e Cristel escono dal carcere in Messico!

Chissà cosa avrà detto ai suoi figli, riabbracciandoli all'uscita dal carcere, dopo due anni. Chissà se a casa ha trovato un mazzo di fiori o una folla di amici, chissà.
Cristel Piña, messicana, era stata condannata dopo una confessione estorta con la tortura e con lo stupro, ma il 2 dicembre scorso è stata rilasciata. Ha solo 25 anni.

Poche ore prima era stato rilasciato anche Adrian Vasquez, messicano, autista di autobus, quattro figli, a cui erano toccati tre anni di carcere per un'accusa falsa.


In entrambi i casi Amnesty International aveva attivato una campagna a loro favore: erano due vittime di tortura, ingiustamente incarcerate. Non potevamo lasciarle sole.

Rettangolo arrotondato: Leggi le dodici storie dell'anno

Se anche questa volta abbiamo ridato la libertà a due innocenti è grazie a tutte le persone come te, che sostengono Amnesty International, ne fanno parte, non si arrendono di fronte alle ingiustizie.
Qui troverai le migliori 12 buone notizie dell'anno, spero che ti riempiranno di orgoglio, perché sono anche merito tuo.
Grazie per tutto quello che siamo riusciti a fare insieme finora e per quello che faremo ancora, il lavoro non è finito ma sappiamo di poter contare ancora su di te!

A presto!
Laura Perrotta
Amnesty International Italia

PS: Guido, se vuoi detrarre la tua donazione dalle tasse del 2015, falla entro il 31 dicembre!
Le notizie dell'anno


Pastiglie Leone
Per la Befana, vuoi le caramelle più buone del mondo? O vuoi le caramelle che fanno il mondo più buono?
In entrambi i casi, ci sono le Pastiglie Leone, nell'edizione speciale che sostiene i diritti umani.


Il trattamento dei dati degli iscritti alla newsletter è conforme a quanto previsto dal Codice in materia di protezione dei dati personali (decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196). Se non desideri ricevere ulteriormente comunicazioni clicca qui per rimuovere il tuo indirizzo email

Se non visualizzi correttamente questa email clicca qui