giovedì 21 gennaio 2016

La casa donata dal M5S era già stata ''comprata'': si faccia chiarezza

Già il 31 maggio del 2013 durante una puntata di ''Servizio Pubblico'' di Santoro erano stati raccolti e donati alla famiglia 78mila euro per acquistare la casa, ma pare siano stati usati per altro e i grillini hanno ora dato solo una piccola quota



Si tinge di giallo la vicenda relativa all’acquisto della casa della famiglia Gaurascio a Vittoria da parte dei deputati siciliani del Movimento 5 Stelle. Ma procediamo con ordine. Chi ancora non lo sapesse, Giovanni Guarascio è un muratore che per colpa di un debito poco meno di 20mila euro perse la casa costruita con tanta fatica e per evitare lo sfratto si diede fuoco perdendo la vita.
Era il maggio 2013 e a fine mese, esattamente il 31 maggio 2013, la trasmissione “Servizio Pubblico” di Michele Santoro durante la puntata dedicata all’argomento raccolse e donò 78 mila euro alla famiglia per l’acquisto della loro casa e per sostenere il percorso universitario della figlia minore, Martina.
Una giornalista di Catania ha sentito ieri  la redazione di Servizio Pubblico, che ha confermato di avere consegnato i soldi raccolti alla famiglia Guarascio, ma di non sapere in che modo siano stati spesi.