sabato 16 gennaio 2016

NESSUNO TOCCHI CAINO

no alla pena di morte


IRAN: 1.084 PERSONE GIUSTIZIATE NEL 2015
12 gennaio 2016: l'Iran nel 2015 ha giustiziato 1.084 persone, che rappresentano il più alto numero di esecuzioni nel Paese in 25 anni, secondo le organizzazioni a difesa dei diritti umani.

L'Iran, che continua "a giustiziare più persone pro capite di qualsiasi altro Paese al mondo", secondo le Nazioni Unite, ha effettuato una media di tre esecuzioni al giorno nel 2015, in base alle statistiche pubblicate da un'organizzazione iraniana per i diritti umani.
Sin dall'elezione del presidente Hassan Rouhani, che è stato celebrato da molti in Occidente come un riformatore moderato, le esecuzioni in Iran sono aumentate, raggiungendo numeri record in ognuno degli ultimi anni. L'ONU ha registrato 753 esecuzioni nel 2014, anche se alcune organizzazioni per i diritti umani hanno sostenuto che il numero fosse più alto.
L'Iran ha giustiziato un cittadino americano nel mese di novembre.
La Repubblica Islamica ha cominciato il 2016 con un gran numero di esecuzioni, impiccando 13 persone il 6 gennaio e uccidendo un totale di 25 persone nella prima settimana dell'anno, secondo le statistiche pubblicate da United Against a Nuclear Iran, un’organizzazione critica sulla situazione dei diritti umani nel Paese.
I critici sui diritti umani in Iran, Paese che continua ad essere classificato in questo campo tra i peggiori al mondo, sostengono che il crescente numero di esecuzioni evidenzi il disprezzo della Repubblica Islamica per lo Stato di Diritto.
"Cominciando il nuovo anno con un’ondata di impiccagioni, l'Iran sta segnalando che continuerà a sfidare la comunità internazionale e le norme basilari dei diritti umani", ha detto l'ex ambasciatore Mark Wallace, amministratore delegato dell'organizzazione.
Wallace ha avvertito che il comportamento dell'Iran è un segno che il regime è sempre più intransigente, nonostante l'amministrazione Obama ritenga che il recente accordo sul nucleare abbia reso l’Iran più moderato.
"I sostenitori dell'accordo sul nucleare siglato a luglio hanno dichiarato che questo avrebbe portato alla moderazione il regime iraniano", ha detto Wallace. "Invece è accaduto tutto il contrario essendo la condotta dell’Iran peggiorata. Al ritmo con cui ha iniziato il 2016, l'Iran giustizierà anche quest’anno più di 1000 suoi cittadini. "
Un gran numero di persone giustiziate appartengono a minoranze religiose, come i convertiti al cristianesimo, aderenti al bahá'í, musulmani sunniti e curdi.
I dissidenti politici sono stati presi di mira dal regime iraniano, spesso giustiziati dopo un procedimento giudiziario che gli osservatori internazionali hanno considerato come iniquo.
L’Iran rimane inoltre una delle poche nazioni a giustiziare minorenni, omosessuali e donne che si sono difese contro gli stupratori.
La maggior parte di queste persone vengono impiccate, spesso in pubblico.
"L'Iran giustizia la maggior parte dei detenuti mediante impiccagione all'interno delle prigioni", secondo un rapporto distribuito dalla United Against a Nuclear Iran. "Il regime inoltre effettua regolarmente esecuzioni in pubblico."
L'Iran ha giustiziato almeno 57 persone in pubblico nel 2015. Ciò equivale a una media di più di una esecuzione pubblica a settimana.
"In molti di questi casi, la vittima viene impiccata pubblicamente con una gru edile, un metodo particolarmente lento e doloroso di esecuzione", è scritto nel rapporto.
In almeno un caso, le foto hanno mostrato che l'Iran usa gru realizzate da una società che è un importante fornitore del governo degli Stati Uniti.
L'amministrazione Obama ha deciso di eliminare molte sanzioni degli Stati Uniti contro l'Iran, ma insiste sul fatto che manterrà le sanzioni relative alle violazioni dei diritti umani da parte iraniana.


---------------------------------------
NESSUNO TOCCHI CAINO - NEWS FLASH

ZAMBIA: AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA PROPONE ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE
13 gennaio 2016: il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria dello Zambia ha proposto alla Commissione giustizia del Parlamento di abolire la pena di morte sostituendola con pene progressive. Il Vice capo Chrispin Kaonga ha detto ai parlamentari: "La strada seguita in Zambia sulla pena di morte è che la Costituzione l’ha mantenuta. Tuttavia, da un punto di vista amministrativo, con una moratoria in atto, continuare a mantenerla è davvero improduttivo e costoso. E’ mia opinione che vada abolita e sostituita con pene progressive che devono far fronte a quello che la pena di morte non ha risolto". Secondo Kaonga con la messa a morte, il condannato non può trarre alcuna lezione dalla pena poiché la sua vita finisce. "La pena di morte è stata utilizzata per un bel po’ di tempo per punire i criminali in modo da dissuadere gli aspiranti autori di reati ma i criminali hanno continuato a commettere reati in misura tale da mettere in dubbio l’efficacia dissuasiva di questa pena"
 , ha detto il dottor Kaonga per il quale è un peccato che lo Zambia non abbia ancora ratificato il Secondo Protocollo Opzionale sul Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici (ICCPR) del 1966, che prevede l'abolizione della pena di morte.
Il Dott Kaonga ha detto che l’articolo 6 dell'ICCPR riconosce il diritto alla vita di ogni essere umano e che nessuno può essere arbitrariamente privato della vita. Secondo lui, questa disposizione è pienamente riconosciuta in Zambia, anche se la pena di morte non è stata formalmente abolita.
Il dottor Kaonga ha detto che l’amministrazione penitenziaria deve far fronte ad un numero crescente di condannati a morte definitivi che non vengono giustiziati per via della moratoria in atto e che l’elevato numero di condannati nel braccio della morte sta ponendo gravi problemi di sovraffollamento.


ZIMBABWE: 15 PRIGIONIERI CHIEDONO LA COMMUTAZIONE IN ERGASTOLO
10 gennaio 2016: l’avvocato di Harare Tendai Biti è stato assunto da 15 detenuti nel braccio della morte dello Zimbabwe per rappresentarli nella loro richiesta alla Corte Costituzionale di commutazione della loro pena in ergastolo.
L’udienza relativa alla loro richiesta, che viene sostenuta dalla ONG locale Veritas, è stata fissata per il 13 gennaio.
L’omicida Cuthbert Tapiwanashe Chawira (45 anni) e 14 altri colpevoli di omicidio si trovano in carcere da un numero di anni compresi tra quattro e 20. Chawira si trova nel braccio della morte dal settembre 2000 per un furto a mano armata del 1999 che portò all'omicidio di un dipendente del Fairmile Motel a Gweru.
L’avvocato Biti ha detto di aver ricevuto dai detenuti incarichi distinti in cui vengono descritte le condizioni nelle carceri e le torture psicologiche che hanno sofferto a causa della loro reclusione nel braccio della morte.
Considerato che i suoi clienti hanno scontato lunghe pene detentive con vari problemi legati all’incarcerazione nelle prigioni dello Zimbabwe, Biti ha sostenuto che il rimedio corretto sarebbe quello di dichiarare incostituzionale l'incarcerazione prolungata e stabilire la condanna all’ergastolo.
"Il tribunale può prendere qualsiasi decisione che sia nell'interesse della giustizia ... rinviare all'Alta Corte o riformulare la sentenza tenendo conto del ritardo e di quanto accaduto nel corso degli anni", ha detto.
I detenuti chiedono che la più alta corte del Paese sulle questioni costituzionali affermi i loro diritti fondamentali come sanciti nelle sezioni 51 e 53 della Carta nazionale.
"La nostra tesi in questa materia è che abbiamo il diritto alla dignità umana protetto dalla Sezione 51 della Costituzione dello Zimbabwe", hanno detto i detenuti

SOMALILAND: SEI GIUSTIZIATI PER OMICIDIO
11 gennaio 2016: il Governo del Somaliland, regione semi-autonoma della Somalia, ha giustiziato sei prigionieri riconosciuti colpevoli di omicidio.
Tra i sei giustiziati c’è un soldato che avrebbe ucciso di recente un agente di polizia.
Le esecuzioni hanno avuto luogo nelle località di Daraweyene, Mandheera e Borama.
I sei ordini di esecuzione sono stati firmati dal Presidente Siilaanyo, nel tentativo di frenare il recente aumento degli omicidi nel Paese. 

BIELORUSSIA: CONDANNATO A MORTE PER L’OMICIDIO DELLA CONVIVENTE
5 gennaio 2016: il Tribunale regionale di Minsk ha pronunciato la prima condanna a morte di quest'anno nel caso di Henadz Yakavitski, residente nella città di Vilejka, che era stato accusato di "omicidio commesso con estrema crudeltà" (Articolo 139 del Codice Penale).
Secondo l'accusa, l’uomo avrebbe ucciso la sua convivente nel luglio 2015. La sentenza non è stata ancora applicata e può essere presentato appello alla Corte Suprema.
La sua prima moglie, Natallia Bulanava, ha detto agli attivisti per i diritti umani che Henadz Yakavitski è stato in passato ripetutamente condannato per vari reati, compresi 15 anni per omicidio e stupro nel 1989.
"Al processo c'erano solo indizi della sua colpevolezza. Quando la corte ha ascoltato un testimone, tutto quello che ha saputo dire è stato "non ricordo" e "non so". Gli è stato chiesto se avesse letto il documento che l'investigatore gli aveva dato durante le indagini sulla scena del crimine. Ha detto di sì. Tuttavia quando si è parlato di alcuni dettagli e fatti, il testimone ha detto di non ricordare nulla", ha detto Natallia.
Uno dei testimoni chiave, Fiodar Marozau, ha cambiato la sua testimonianza quattro volte. Dall'indagine è emerso che il corpo è stato perforato 46 volte. Nel frattempo, i testimoni hanno sostenuto all'unanimità di aver sentito una dozzina di colpi.
"So che la Bielorussia utilizza la pena di morte, e io sono sempre stata contraria. Credo che le persone non abbiano il diritto di togliere la vita agli altri. Se una persona ha commesso un reato grave, se riconosciuta colpevole, dovrebbe essere condannata all'ergastolo. In generale, sono sorpresa che la Bielorussia sia l'unico paese in Europa dove sono ancora applicate queste leggi ", ha aggiunto la ex moglie di Yakavitski.