venerdì 29 gennaio 2016

Non visualizzi correttamente questa email? Clicca qui
Sostieni Amnesty
Invia per E-Mail

Condividi su Facebook

Condividi su Twitter

Amnesty.it
NEWSLETTER
29
GENNAIO 2016


Firma l'appello

Fred e Yves rischiano la pena di morte soltanto per aver sognato di cambiare il loro paese, la Repubblica Democratica del Congo.
Perché? Pensano che il cinismo, la frustrazione e la rabbia di giovani disillusi possano trasformarsi in energia positiva attraverso la partecipazione.

Il 15 marzo 2015, le forze di sicurezza hanno fatto irruzione durante la conferenza stampa di presentazione del movimento Filimbi (“fischio” in swahili) e li hanno arrestati e portati in un luogo sconosciuto. Qui sono stati interrogati senza la presenza di un avvocato e non hanno potuto vedere le proprie famiglie. In questo momento si trovano nella prigione di Kinshasa in attesa del processo.
Fred e Yves devono essere rilasciati subito e senza condizioni.
Image

Rettangolo arrotondato: Guido, firma l'appello!

GRAZIE AMNESTY

"La libertà di mio marito è il riconoscimento di tutti gli sforzi fatti insieme ad Amnesty International. È stata una lunga battaglia. Ora iniziamo da zero......"

Judith Vásquez, moglie di Adrián Vásquez Lagunes, rilasciato dopo oltre tre anni da una prigione del Messico


LE NOSTRE INIZIATIVE

Nuove pubblicazioni
Due divertenti albi illustrati che smontano stereotipi e pregiudizi, sottolineando l’importanza del rispetto per tutti e per tutte. Ordina La Dichiarazione dei diritti delle femmine e La Dichiarazione dei diritti dei maschi.
"Voci per la libertà"
Storie affascinanti, poetiche o crude, vestite di grinta e di rock oppure ancora saltellanti a ritmo di folk e reminiscenze popolari. Sono le 16 canzoni della nuova compilation "Voci per la libertà". Ascoltale subito
Aguas de Oro
Con parole, suoni e immagini Aguas de Oro descrive il conflitto tra una popolazione del Perù e una multinazionale. Un viaggio tra neocolonialismo e autodeterminazione dei popoli.

Dona online

Image
Facebook

Twitter

Il trattamento dei dati degli iscritti alla newsletter e conforme a quanto previsto dal Codice in materia di protezione dei dati personali (decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196). Se non desideri ricevere ulteriormente questa newsletter clicca qui per rimuovere il tuo indirizzo email