lunedì 8 febbraio 2016

Don FANZAGA   esempio di amore cristiano



A padre Livio Fanzaga capita spesso di sacramentare. Posato il rosario, il direttore di Radio Maria lancia anatemi erga omnes . L’ultima sua vittima è stata la senatrice Monica Cirinnà, firmataria della legge sulle unioni civili. Dopo averla paragonata con scarsa eleganza a Babilonia, la donna dell’Apocalisse, la meretrice seduta sulla Bestia, le ha inviato un memento mori . Prima di lei era toccato ai giornalisti Fittipaldi e Nuzzi: li voleva impiccare. Ma nelle sue «preghiere» mattutine sono finiti vescovi, ex collaboratori, miscredenti, insomma tutti coloro che non la pensano come lui.
Nonostante sia devoto alla Madonna di Medjugorje (Radio Maria organizza là molti pellegrinaggi), la sua violenza verbale è nota: «Mi fanno passare per un pirla, maledetti!». Maledetto sarò anch’io che ho avuto la fortuna di conoscerlo nel 1968, dai Padri scolopi. Era stato ordinato sacerdote da appena due anni e studiava ancora all’università. Vi assicuro, era già così. All’epoca organizzava riunioni antimperialiste per combattere l’invasione Usa in Vietnam (leggeva Abc , un settimanale molto laico). Poi è partito missionario in Africa e l’ho perso di vista.
Ora si occupa di apparizioni mariane, presenze demoniache, proselitismo radiofonico, ma il suo carattere non è mutato. Il demone che cerca di combattere nella mondanità è dentro di lui. Come diceva il sapiente, il destino dell’uomo è il suo carattere.