venerdì 11 marzo 2016

Comunicato
Associazione Luca Coscioni
per la libertà di ricerca scientifica.
Non vedi l'email correttamente?
Guarda la versione online

Droghe: Grazie ad Alternative Libera il governo parla di droghe, ora dall'ONU s'arrivi in Italia


Nella mattina di venerdi 11 marzo alla Camera dei Deputati il Governo, nella persona del Sottosegretario per lo sviluppo economico Antonello Giacomelli ha risposto a un'interpellanza urgente della Deputata Eleonora Bechis (Alternativa Libera / Misto) relativa alla prossima sessione speciale dell'Assemblea Generale sulle droghe, UNGASS, del 19/21 aprile prossimi. A seguito delle risposte e repliche del deputato Massimo Artini, Marco Perduca, Rappresentante all'ONU del Partito Radicale e membro di giunta dell'Associazione Luca Coscioni ha dichiarato:
 
"Le risposte puntuali del Governo ai deputati Bechis e Artini sembrerebbero il frutto di decisioni politiche prese a seguito di un dibattito istituzionale costruito in dialogo col Parlamento oltre che con forze politiche e associazioni che da sempre si interessano di stupefacenti, a partire dagli antiproibizionisti radicali. Ora, se e' vero che nell'ultimo anno il Dipartimento per le Politiche Anti-Droga e' stato molto ricettivo nei confronti delle sollecitazioni che venivano fuori dai Palazzi, tanto da organizzare un'intera giornata di confronto con le organizzazioni non-governative il 4 marzo scorso, lo stesso non si puo' dire relativamente al Parlamento. Bene ha fatto quindi l'Onorevole Artini a rilanciare, nella replica, chiedendo un dibattito parlamentare in vista della UNGASS sulle droghe di aprile a New York. 

Sappiamo che nei prossimi 10 giorni, alla Commissione Droghe dell'ONU di Vienna, dove il Partito Radicale partecipa con una folta delegazione trans-nazionale e organizza un evento sui cannabis social club, verranno chiusi i documenti che verranno adottati a New York e che son pochi gli spazi ancora aperti a miglioramenti, ma occorre che l'Italia si impegni solennemente davanti al Parlamento per far si' che quella dell'aprile prossimo non sia un'occasione persa del tutto. Nel 2019 e' prevista un'altra sessione speciale, bisogna quindi che i prossimi tre anni siano caratterizzati da analisi strutturali e radicali che portino a valutazioni scientifiche ed economiche del proibizionismo piuttosto che a un esercizio di diplomazia consensuale tanto laborioso quanto, purtroppo, inutile.

 
Le associazioni costituenti il Partito Radicale restano a disposizione di tutti i gruppi parlamentari, a partire dal Misto, per contribuire con proposte puntuali all'eventuale dibattito che si terra' il Parlamento".

Follow on Twitter

Friend on Facebook

 
Ricevi questo messaggio perchè sei inserito nella lista dei destinatari dei nostri comunicati stampa
Associazione Luca Coscioni
via di torre argentina 76
Rome, Rm 00185
Email Marketing Powered by MailChimp