martedì 19 aprile 2016




Droga/ONU: Radicali all'Ungass: "Contro l'immobilismo alle Nazioni Unite occorrono riforme a livello nazionale. Legalizziamo!"

New York/Roma 19 aprile 2016

Si è appena aperta a New York l'Ungass, la sessione speciale dell'Assemblea Generale delle Nazioni unite interamente dedicata alle droghe, che proseguirà fino al 21 aprile. 

Ai lavori partecipa anche una delegazione del Partito Radicale - in quanto organizzazione non-governativa affiliata al Consiglio Economico e Sociale dell'Onu - con una delegazione che comprende militanti anti-proibizionisti degli Stati Uniti e rappresentanti di associazioni di persone che usano sostanze del Regno Unito. 
L'Associazione Coscioni invece è rappresentata dal Professor Andrea Boggio accreditato come parte della delegazione italiana per decisione del Ministro Orlando. La partecipazione radicale è a carico degli interessati.

 "Una sessione speciale dell'Assemblea Generale che si apre con un documento di chiusura preparato altrove è un simposio e non un forum politico" ha affermato Marco Perduca che guida la delegazione del Partito Radicale Nonviolento a UNGASS. "Riaffermando sistematicamente la validità delle tre Convenzioni ONU in materia di stupefacenti, le 24 pagine della dichiarazione finale non contengono alcuna proposta realmente alternativa, né azzardano critiche strutturali. C'è solo da sperare che la qualità degli interventi a titolo nazionale sia più lungimirante delle conclusioni". Perduca era presente anche alla UNGASS del 1998 e ha ricordato come "negli ultimi quasi tutte le Agenzie dell'ONU - con l'eccezione dell'Ufficio di Vienna sulle droghe e il crimine - interessate alle implicazioni che la "guerra alla droga" hanno avanzato raccomandazioni di buon senso che non sono state però prese in debita considerazione durante la preparazione di UNGASS. "Il ministro Orlando ha l'occasione di dare un chiaro segnale di come e quanto siano cambiate le leggi e politiche in materia di droghe negli ultimi anni nel nostro paese e di impegnare l'Italia a sostenere programmi di collaborazione internazionale nel massimo rispetto dei diritti umani‎ a partire da quello alla salute", conclude Perduca 

Contro l'immobilismo alle Nazioni Unite l'Associazione Coscioni e Radicali Italiani domani lanceranno una campagna di raccolta firme sulla proposta di legge d'iniziativa popolare Legalizziamo! per la regolamentazione legale della produzione, consumo e commercio della cannabis e suoi derivati. 


Ufficio Stampa
Associazione Luca Coscioni
Telefono +39-06.68979.286
Info: 3490916848