domenica 10 aprile 2016

LORENZO DE' MEDICI IL MAGNIFICO
CANTI CARNACIALESCHI

CANZONA DE’ PROFUMI


Siam galanti di Valenza
qui per passo capitati,
d’amor già presi e legati
delle donne di Fiorenza.
Molto son gentili e belle
donne nella terra nostra:
voi vincete d’assai quelle,
come il viso di fuor mostra;
questa gran bellezza vostra
con amore accompagnate;
se non siete innamorate,
e’ saria meglio esser senza.
Quanto è una buona spanna
vaselletti lunghi abbiamo;
se dicessi: - Altri v’inganna -
noi ve li porremo in mano:
ritti al luogo li mettiamo;
nella punta acceso è il foco,
onde sparge a poco a poco
dolce odor, che ha gran potenza.
Or dell’olio vogliam dire:
ha odore e virtù tanta,
che fa altri risentire
dal capo insino alla pianta.
L’olio è una cosa santa,
s’è stillato in buona boccia:
esce fuori a goccia a goccia;
se più pena, ha più potenza.
L’olio sana ogni dolore
e risolve ogni durezza;
tira a sé tutto l’umore,
trae del membro la caldezza,
penetrando la dolcezza
quanto più forte stropicci:
se hai triemiti o capricci,
usa l’olio e sarai senza.
Noi abbiamo un buon sapone,
che fa saponata assai:
frega un pezzo, ove si pone:
se più meni, più n’arai.
Èvv’egli accaduto mai,
donne, aver l’anella strette?
Col sapon, che cava e mette,
cuoce un poco: pazïenza!
Donne, ciò che abbiamo è vostro.
Se d’amor voi siate accese,
metterem l’olio di nostro,
ungeremo a nostre spese;
abbiam olio del paese,
gelsi, aranci e mongiuï:
se vi piace, proviam qui:
fate questa esperïenza.