venerdì 29 aprile 2016

LORENZO DI CREDI-LA VENERE GALLERIA UFFIZI     
    FIRENZE      


La Venere è un dipinto a olio su tela (151x69 cm) di Lorenzo di Credi, databile al 1493-1495 circa. Realizzata per la villa medicea di Cafaggiolo.
L'opera proviene dalla villa di Cafaggiolo, dove venne rinvenuta casualmente nel 1869. Da allora è concordemente attribuita a Lorenzo di Credi.

La superficie pittorica è sottilissima, il che fece pensare a Ridolfi e Jacobsen che si trattasse di un'opera incompiuta, priva delle verniciature dell'opera finita. Ne esiste un disegno preparatorio all'Albertina di Vienna (SR. 105).
Su uno sfondo scuro, che distingue solo il piano d'appoggio, si staglia statuaria una Venere, coperta appena da un sinuoso velo trasparente. La figura, intrisa di echi botticelliani, è costruita con un'attenzione alla linea di contorno, tipicamente fiorentina. Il corpo ancheggia verso sinistra con una braccio piegato che copre un seno e uno dritto che regge il velo all'altezza del pube. La postura è languidamente curva e la testa ruota verso destra, con un andamento a "S" che ricorda le raffinatezze del gotico.