giovedì 28 aprile 2016


Non ci sono parole per descrivere l’orrore che ancora oggi vivono migliaia di bambine nel mondo.
Se non visualizzi correttamente questa email clicca qui
E-Mail

Facebook

Twitter

Amnesty.it

Amnesty International Italia

“Mi faceva cose cattive, io non avevo idea di cosa fosse un matrimonio. Scappavo da una stanza all’altra ma alla fine lui mi trovava e faceva di me quello che voleva.
Ogni volta che volevo giocare in cortile mi picchiava e mi chiedeva di andare in camera da letto con lui.”
Nojoud Mohammed Ali Nasser, dello Yemen, data in sposa a un uomo di 30 anni quando ne aveva solo 8.

Ciao Guido,
non ci sono parole per descrivere l’orrore che ancora oggi vivono migliaia di bambine nel mondo.
37.000 bambine e ragazze ogni giorno sono costrette a sposare uomini molto più grandi di loro. Sono tagliate fuori da famiglia, amicizie e da qualsiasi altra forma di sostegno, troppo spesso sottoposte a violenze e abusi.

Bambine che perdono l’infanzia.

Amnesty International lavora per difendere le spose bambine facendo pressione sui governi dei paesi in cui è presente questa pratica affinché sia bandita per sempre.

Sostienici con una donazione: un tuo contributo ci aiuterà a garantire loro protezione, istruzione e il diritto a un futuro migliore.
Grazie!

Riccardo Noury

Laura Perrotta
Responsabile Raccolta fondi
Amnesty International Sezione Italiana Onlus


P.S. Oggi stesso puoi contribuire a ridurre il numero delle spose bambine. Vogliamo ridare la felicità a tutte loro, una alla volta. 

Dona online con carta di credito


Il tuo 5x1000 ad Amnesty


SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL
Facebook

Twitter

YouTube

Instagram

Il trattamento dei dati degli iscritti alla newsletter e conforme a quanto previsto dal Codice in materia di protezione dei dati personali (decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196). Se non desideri ricevere ulteriormente questa newsletter clicca qui per rimuovere il tuo indirizzo email