lunedì 1 agosto 2016

Lavoriamo per continuare a garantire assistenza medica.
Se non visualizzi correttamente questa e-mail clicca qui


Caro,
probabilmente avrai sentito che venerdì scorso l’ospedale ostetrico che supportiamo ad Idlib, in Siria, è stato colpito da un bombardamento. Come nostro sostenitore, penso sia importante condividere con te le ultime notizie arrivate dal campo.  
Nell’attacco 2 persone sono state uccise, una donna incinta di 6 mesi ha perso entrambe le gambe e diversi neonati sono rimasti feriti quando le incubatrici sono crollate a terra.
Questa è l’unica struttura di maternità nella zona e ogni mese assiste più di 1.000 donne e centinaia di parti. Il nostro staff, insieme ai partner locali, sta lavorando senza sosta per continuare a garantire l’assistenza medica necessaria alle mamme e ai loro piccoli.
Tutte le sale travaglio e le incubatrici sono state spostate ai piani sotterranei per maggiore sicurezza e il personale è riuscito a trovare un generatore e un'ambulanza, presi in prestito da altre strutture, pur di rimanere operativi. Inoltre ci sono 6 ostetriche dell’ospedale che possono assistere le donne durante il parto anche nelle loro case”, dice Sonia Khush, Direttore di Save the Children in Siria.
Il nostro lavoro per i bambini siriani non si ferma.
Grazie di cuore per quello che potrai fare.
Un caro saluto,
Valerio Neri
Direttore Generale per l'Italia
Save the Children
Save the Children Italia ONLUS - Via Volturno, 58 - 00185 Roma
Tel: (+39) 06.480.700.72
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003: I dati sono trattati da Save the Children Italia Onlus – titolare del trattamento – Via Volturno 58 - 00185 Roma, per l'invio di comunicazioni informative sui propri progetti, iniziative e per attività di raccolta fondi. I dati sono trattati, con modalità prevalentemente elettroniche e telematiche, dalla nostra associazione e da soggetti terzi che erogano servizi connessi a quanto sopra; non saranno comunicati né diffusi né trasferiti all'estero e saranno sottoposti a idonee procedure di sicurezza. Ai sensi dell'art. 7, d. lgs 196/2003, si possono esercitare i relativi diritti fra cui consultare, modificare, cancellare i dati trattati in violazione di legge e richiedere elenco dei responsabili scrivendo a informativa@savethechildren.org. Se non desideri più ricevere aggiornamenti clicca qui.