sabato 3 settembre 2016

IN MERITO ALLA MORTE DELLA RAGAZZA DI 

PADOVA....



In modo sommesso vorrei dire la mia, in considerazione di esperienze personali realmente vissute.
Premesso che non è mia intenzione dare giudizi morali sull'operato dei genitori e della stessa ragazza che in modo libero (penso) hanno deciso di curare la leucemia con metodologie alternative anzichè utilizzare la classica e collaudata chemio-terapia. Comprendo benissimo che quei poveri genitori anzichè vedere la propria figlia straziata dalla chemio abbiano creduto in qualcosa di meno violento, li capisco e pertanto non li voglio nè giudicare nè biasimare. Io biasimo e stigmatizzo tutti i cialtroni, gli incompetenti che purtroppo circolano impunemente sul WEB e che propugnano come scienza qualcosa che dalla vera scienza è lontana milioni di anni luce. Purtroppo in una società che crede che il clima sia influenzato dalle scie chimiche o che i terremoti siano prodotti da una sorta di spectre internazionale guidata dai soliti Americani che cosa vogliamo sperare ? Queste sciocchezze che cosa possono produrre? Producono che genitori disperati si affidino al primo ciarlatano che incontrano con dei risultati così palesemente infausti. Vorrei smentire i soliti complottari i quali affermano che i medici prescrivano la chemio tanto per far guadagnare le grandi società farmaceutiche. Io sono quasi 4 anni che combatto una battaglia contro la Bestia: Tutto è partito dalla vescica, poi, caso rarissimo, si è trasferito al polmone e per questo ho subito 5 interventi chirurgici, I valentissimi medici che mi stanno curando hanno escluso a priori, per me, l'utilizzo della chemio in quanto la mia Bestia è refrattaria a questa terapia. Devo fare solo controlli periodici con la speranza che tutto vada per il verso giusto. La storia dell'abuso della chemio è un'altra favoletta che viene raccontata dai soliti noti cialtroni. Se poi dovessi raccontare le cure che a suo tempo certe persone mi hanno raccomandato come infallibili, ci sarebbe da morire dal ridere.....dagli infusi di erbe strane fino ad arrivare a clisteri di caffè.....se fossi stato una persona influenzabile non so cosa mi sarebbe potuto capitare. Mi sembra di vivere in quel '600 così bene descritto da Manzoni nei Promessi Sposi. Vi ricordate Don Ferrante che con un bellissimo sillogismo spiegava che la peste non esisteva ? Infatti morì lui e sua moglie Donna Prassede proprio di peste.Questo è il mondo dove il primo coglione va in televisione o su internet e spara bischerate grosse come una casa, purtroppo esistono persone influenzabili che cascano nella loro rete!



guido michi