lunedì 13 febbraio 2017

ANDREA ORCAGNA-IL REDENTORE-CAPPELLA STROZZI DI MANTOVA BASILICA SANTA MARIA NOVELLA

 FIRENZE 

Il polittico sull'altare della cappella è il Redentore che presenta le chiavi a san Pietro e un libro a san Tommaso d'Aquino, con la Madonna, san Giovanni Battista e altri santi'. Si tratta di una tavola a cinque scomparti con predella dipinta con tre scene (296x160 cm), firmata e datata da Andrea Orcagna nel 1357. La tavola è centrata sulla figura impassibile del Cristo entro una "mandorla", che ricorda un'iconografia duecentesca. È un lampante esempio di come nella seconda metà del Trecento la pittura si dirigesse verso soggetti più dogmatici, arcaici e statici, in contrapposizione con i traguardi di realismo e narrazione di un cinquantennio prima di Giotto e della sua scuola. La tavola è ricordata anche per essere stata il primo esempio di polittico in cui i confini tra gli scomparti sono del tutto rimossi, a dare unità scenica all'intera rappresentazione.