sabato 29 aprile 2017

       nessuno   tocchi     caino           
   NO  ALLA  PENA  DI  MORTE 

1.  LA STORIA DELLA SETTIMANA : ISTITUZIONE DEL TRIBUNALE DELLE LIBERTÀ MARCO PANNELLA 2.  NEWS FLASH: ARKANSAS (USA): QUATTRO GIUSTIZIATI IN OTTO GIORNI 3.  NEWS FLASH: IRAN: COMMISSIONE GIUSTIZIA APPROVA RIFORMA DELLA PENA DI MORTE PER DROGA 4.  NEWS FLASH: PAKISTAN: QUATTRO IMPICCATI PER TERRORISMO 5.  NEWS FLASH: SOMALIA: QUATTRO FUCILATI A BAIDOA PER TERRORISMO 6.  I SUGGERIMENTI DELLA SETTIMANA :


ISTITUZIONE DEL TRIBUNALE DELLE LIBERTÀ MARCO PANNELLA


Roma, martedì 2 maggio 2017, ore 11, in Via di Torre Argentina 76, nella sala conferenze del Partito Radicale

Presentazione del Tribunale delle Libertà Marco Pannella.

Il Tribunale delle Libertà Marco Pannella viene istituito dal ‘Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito per affrontare con efficacia i drammatici problemi delle vecchie e nuove schiavitù che tormentano molta parte della popolazione in Italia e nel mondo. Il Partito Radicale, con la collaborazione di cittadini provenienti dal mondo giuridico, culturale, sociale e politico, rinnova e rafforza il suo impegno nella difesa di tutti coloro che abbiano subito gravi violazioni nel loro diritto alla giustizia, alla dignità, alla conoscenza, al lavoro e alla vita.
Il Tribunale sarà un luogo d’incontro dove, nel proseguimento dell’opera di Marco Pannella, le fragilità sociali potranno trovare ascolto e voce contro qualunque forma di ingiustizia e dove potranno ricevere protezione contro soprusi e violenze.
Marco Pannella nasceva a Teramo il 2 maggio 1930, la sua scomparsa il 19 maggio del 2016 ha lasciato un grande vuoto umano e politico ma la sua testimonianza di vita e generosità per l’affermazione dei diritti di tutti - soprattutto dei più deboli e indifesi-è un grande patrimonio, nell’indifferenza e nel cinismo che si incontrano sempre più spesso.
Il “Tribunale delle Libertà Marco Pannella” istituirà delle ‘Corti di Giustizia’ formate da giuristi e rappresentanti del mondo della cultura, delle professioni e del volontariato per affrontare i grandi temi delle povertà, delle guerre, delle ingiustizie e delle diverse forme di schiavitù derivanti da una ‘globalizzazione’ antisociale e dalle crisi internazionali.


---------------------------------------
NESSUNO TOCCHI CAINO - NEWS FLASH

ARKANSAS (USA): QUATTRO GIUSTIZIATI IN OTTO GIORNI
27 aprile 2017: Kenneth Williams, 38 anni, nero, è stato giustiziato, e l’iniezione letale sembra abbia presentato qualche problema. È la quarta esecuzione che lo stato effettua nell’arco di 8 giorni. In realtà il Governatore aveva fissato 8 esecuzioni in questo arco di tempo, ma 4 esecuzioni sono state rinviate con motivazioni varie da alcuni giudici. Apparentemente l’esecuzione è durata 13 minuti, con il detenuto dichiarato morto alle 23,05.
Un giornalista dell’Associated Press che ha assistito all’esecuzione ha detto che il corpo del detenuto ha sobbalzato 15 volte in rapida successione, e poi altre 5 volte con una successione più lenta.
Secondo J.R. Davis, che non ha assistito all’esecuzione, portavoce del governatore Asa Hutchinson, si è trattato “di una reazione muscolare involontaria”.
Shawn Nolan, uno degli avvocati di Williams, che non ha assistito all’esecuzione, ha detto che i resoconti sono “terrificanti” e che sta presentando la richiesta per un’indagine a tutto campo sui problemi che hanno caratterizzato l’esecuzione di stanotte.
Il governatore Hutchinson ha emesso un comunicato in cui evidenzia che il sistema legale nelle ultime due settimane ha dato prove di funzionare, e che effettuare le esecuzioni era necessario, considerato anche che non c’è mai stato dubbio sulla colpevolezza degli imputati. Come è noto, la “fretta” nell’effettuare le esecuzioni, in uno stato che non ne compiva dal 2005, deriverebbe dal fatto che il 30 aprile era la data di scadenza dell’unico lotto di Midazolam in possesso dell’Amministrazione Penitenziaria, amministrazione che ha reso noto più volte di non essere in grado al momento di procurarsi altre dosi letali.
Williams era stato condannato a morte nel 2000 con l’accusa di aver ucciso, il 3 ottobre 1999, Cecil Boren, 57 anni, bianco. Quel giorno Williams era appena evaso dal penitenziario di Varner (lo stesso dove è situato anche il braccio della morte e dove stanotte è stata effettuata ‘esecuzione) dove stava scontando una condanna all’ergastolo senza condizionale per aver ucciso, nel dicembre 1998, una ragazza di 19 anni, Dominique Hurd, nera.
Dopo la fuga dal penitenziario nascosto dentro i bidoni della spazzatura, Williams aveva fatto irruzione nella casa dei Boren, dove aveva rubato alcune armi e un’automobile. Williams venne arrestato alcuni giorni dopo al termine di un inseguimento conclusosi con un incidente in cui morì l’autista di un camion. Nel 2005, dal carcere, Williams scrisse una lettera a un giornale in cui disse di aver ucciso anche Jerrell Jenkins, 36 anni, lo stesso giorno in cui aveva ucciso la Hurd.
Oggi, come ultima dichiarazione, ha voluto chiedere scusa ai parenti di tutte le vittime.
Williams diventa il 4° giustiziato di quest’anno in Arkansas, il 31° da quando lo stato ha ripreso le esecuzioni nel 1990, il 10° quest’anno negli USA, e il n° 1452 da quando gli USA hanno ripreso le esecuzioni nel 1977.
Il 20 aprile è stato giustiziato Ledell Lee. L’esecuzione è iniziata alla 23,44 e si è conclusa, con l’accertamento della morte da parte di un medico, alle 23,56.
Lee, 51 anni, nero, era stato condannato a morte nel 1995 con l’accusa di aver ucciso, nel febbraio 1993, Debra Reese, 26 anni, bianca, durante una rapina in abitazione.
Il 24 aprile due uomini sono stati giustiziati nello Stato a poco più di 3 ore di distanza.
Il primo è stato Jack Jones, 52 anni, bianco, giustiziato poco dopo l’orario previsto, le 19.
Secondo un reporter dell’Associated Press che ha presenziato (non alla fase in cui viene inserito l’ago in vena, che avviene con le tende tirate) Jones ha mosso le labbra poco dopo l’inizio del flusso del Midazolam, e uno degli addetti gli ha inserito in bocca un depressore linguale per alcune volte. Il torace ha smesso di muoversi due minuti dopo l’ultima verifica del livello di coscienza. È stato dichiarato morto alle 19,20. Secondo l’avvocato di Marcel Williams, la cui esecuzione era fissata per le ore 22 e che ha cercato di far rinviare l’esecuzione del suo assistito, gli addetti avevano impiegato circa 45 minuti per inserire l’ago in vena, non trovandone una adatta. Jones era stato condannato a morte il 17 aprile 1996 con l’accusa di aver ucciso, il 6 giugno 1995, Mary Phillips, 34 anni, e di aver tentato di ucciderne anche la figlia undicenne. Era stato condannato anche per lo stupro e l’omicidio, avvenuto il 1° giugno 1991, di Lorraine Anne Barrett,
  32 anni. Recentemente, durante l’udienza per valutare la sua richiesta di clemenza, aveva ammesso i fatti. Durante la detenzione gli era stata amputata una gamba a causa del diabete.
Il secondo ad essere messo a morte è stato Marcel Williams, 46 anni, nero, la cui esecuzione è iniziata alle 22.16, circa un quarto d’ora dopo l’orario previsto a causa di un breve rinvio disposto da un giudice federale per vagliare un ricorso dell’avvocato di Williams secondo il quale l’esecuzione precedente aveva presentato dei problemi.
Un rapporto ufficiale inviato al giudice dall’ufficio del Procuratore Generale ha negato l’esistenza di qualsiasi problema, e la sospensione è stata ritirata. Apparentemente l’esecuzione di Williams, dichiarato morto alle 22.33, non ha presentato problemi.
Williams era stato condannato a morte nella Pulasky County il 14 gennaio 1997 con l’accusa, in parte ammessa, di aver rapinato, violentato e ucciso Stacy Errickson, 22 anni, bianca.
Williams durante il processo ha ammesso il sequestro della vittima e di averla obbligata a ritirare denaro da diversi bancomat, ma ha cercato attribuire a dei complici lo stupro e l’uccisione della vittima. Secondo l’accusa Williams nei giorni precedenti aveva già rapito, violentato e ucciso alter due donne. Il mese scorso, durante l’udienza per valutare la sua richiesta di clemenza, aveva ammesso i fatti.


IRAN: COMMISSIONE GIUSTIZIA APPROVA RIFORMA DELLA PENA DI MORTE PER DROGA
24 aprile 2017: Il portavoce della Commissione giustizia del parlamento iraniano ha annunciato che la commissione ha approvato la proposta di riduzione della pena di morte a 30 anni di carcere per una serie di reati legati alle droghe. Nel frattempo, il numero di arresti legati alle droghe aumenta nel Paese.
Hassan Nourouzi, deputato e membro della Commissione giustizia del parlamento iraniano, ha riferito la notizia al "Khaneh Mellat", organo di informazione ufficiale del parlamento.
L'abolizione della pena di morte per alcuni reati di droga e di traffico era stata precedentemente discussa nel parlamento iraniano. Tutto fa parte di un disegno di legge che mira a riformare la legge penale iraniana e abbattere il numero di esecuzioni legate al traffico, al possesso e all'abuso di sostanze.
Sotto questo disegno di legge, la pena di morte per alcuni reati di droga sarà sostituita da un massimo di 30 anni di reclusione. Tuttavia, i condannati per traffico organizzato e armato di narcotici possono ancora ricevere la pena capitale.
Il disegno di legge deve ancora essere votato dai membri del parlamento e approvato dal Consiglio dei Guardiani - un consiglio di 12 membri costituzionalmente incaricato di approvare ogni disegno di legge prima che possa diventare legge.
Il 3 aprile 2017, Iran Human Rights, un'organizzazione che documenta gli abusi dei diritti umani in Iran, ha annunciato che nel 2016 almeno 530 persone sono state giustiziate nella Repubblica Islamica dell'Iran - 296 di queste avevano accuse legate alle droghe.
Almeno cinque minorenni sono stati giustiziati nel 2016 in Iran e due di loro avevano ricevuto la pena capitale per reati legati alla droga.
Mentre il Paese sta tentando di diminuire il numero di esecuzioni, il numero di arresti con accuse di possesso e traffico di droga è aumentato.
La polizia iraniana ha effettuato 19.000 arresti nelle prime due settimane di aprile nell'ambito di un progetto per raggruppare "spacciatori di livello basso e consumatori noti", ha riferito il ministro degli Interni Abdolreza Rahmani Fazli.
Cinquemila dei detenuti sono stati identificati come spacciatori e il resto come tossicodipendenti. La relazione aggiunge che i detenuti resteranno fino a sei mesi nei centri di riabilitazione.
Il capo del Consiglio di Coordinamento contro la droga di Teheran aveva già riferito che da 150 a 200 piccoli spacciatori di droga vengono arrestati quotidianamente a Teheran.
Mentre gli arresti continuano e lo spaccio di droga rimane uno dei crimini più severamente puniti nella giurisprudenza iraniana, con molti che vengono condannati a morte, i numeri legati al crimine rimangono alti.
Il ministro degli Interni riferisce comunque che il governo sta cercando di cambiare il proprio approccio nella lotta contro le droghe concentrandosi maggiormente sulla prevenzione e sul trattamento.
Il leader supremo dell'Iran, Ayatollah Khamenei, ha recentemente dichiarato la tossicodipendenza come la principale fonte di danno al Paese e ha invitato il governo a compiere sforzi "straordinari e raddoppiati" per eliminare i danni sociali subiti per questo problema.
In questo senso, il ministro degli Interni ha annunciato che i centri di detenzione e di riabilitazione a Teheran sono aumentati di numero. I centri di riabilitazione a Tehran servivano a ospitare cinquecento persone e ora possono ospitarne fino a diecimila. In altre città il settore privato sta ora unendosi agli sforzi pubblici per fornire maggiori possibilità di trattamento.
Rahamani Fazli ha affermato che la tossicodipendenza nel Paese non ha confini e attualmente colpisce sia lavoratori occupati che disoccupati, ricchi e poveri, studenti e lavoratori in tutto il territorio. Le statistiche rivelano che quasi il 55 per cento degli iraniani che lottano con la dipendenza hanno un impiego.
La Repubblica Islamica spende miliardi di dollari ogni anno nella sua lotta contro il traffico di droga e decine di agenti vengono uccisi ogni anno in missioni di questo tipo.
Più del cinquanta per cento delle esecuzioni in Iran, che ha il secondo numero più elevato di esecuzioni nel mondo, sono legate alle droghe. La maggior parte dei prigionieri del Paese sono incarcerati con accuse di droga.
Il ministro degli Interni sostiene che finora l'approccio è stato quello di arrestare e giustiziare i piccoli e medi trafficanti di droga, confermando che questo ha avuto poco effetto sulla riduzione del problema.
Ha sottolineato che occorrono maggiori sforzi per catturare i grandi gestori delle reti di traffico di droga nel Paese. L'Opposizione della Repubblica Islamica tuttavia ritiene che i grandi gestori del traffico di droga si trovino ai più alti livelli del sistema e siano immuni rispetto alle forze dell'ordine.


PAKISTAN: QUATTRO IMPICCATI PER TERRORISMO
25 aprile 2017: Quattro uomini coinvolti in fatti di terrorismo sono stati giustiziati in Pakistan in una prigione di Khyber Pakhtunkhwa, secondo un comunicato stampa dell’ISPR.
I quattro erano coinvolti nell'uccisione di civili innocenti, attacchi contro le forze armate del Pakistan e le agenzie di polizia (LEA) ed erano stati condannati a morte da tribunali militari. Rehman Ud Din (figlio di Moamber) era un membro attivo del Tehreek-e-Taliban Pakistan ed era coinvolto nell'attacco contro le forze armate del Pakistan, contro il LEA e nell’uccisione di un membro della commissione per la pace. Armi da fuoco ed esplosivi erano stati trovati in suo possesso.
L’uomo avrebbe ammesso in aula i propri crimini.
Mushtaq Khan (figlio di Umar Saleem) era un altro membro attivo del Tehreek-e-Taliban, coinvolto nell'attacco al LEA, e nell’uccisione di diversi soldati. Avrebbe ammesso i suoi reati davanti al magistrato.
Khan era stato trovato in possesso di armi da fuoco ed esplosivi.
Anche due altri membri di Tehreek-e-Taliban, Obaid ur Rehman (figlio di Fazal Hadi) e Zafar Iqbal (figlio di Muhammad Khan) erano stati condannati a morte dopo aver ammesso i loro reati davanti al magistrato.
Rehman era stato dichiarato colpevole dell’uccisione di civili innocenti e di possesso di esplosivi mentre Iqbal sarebbe stato coinvolto nell'attacco al LEA e nell’uccisione di poliziotti. Possedeva anche lui armi da fuoco e esplosivi.


SOMALIA: QUATTRO FUCILATI A BAIDOA PER TERRORISMO
24 aprile 2017: il tribunale militare somalo ha giustiziato quattro uomini legati ad Al- Shabaab per aver commesso attentati esplosivi lo scorso anno a Baidoa, capitale amministrativa del Sudovest.
I quattro prigionieri sono stati fucilati alla presenza del presidente del tribunale militare e di alti funzionari del Sudovest.
Liban Ali Yarow, presidente del tribunale militare, ha identificato i quattro come Hassan Aden Mursal, Abdilatif Moalim Aden Abdirahman, Siyad Hassan Farah e Sharamad Aawaw Mohamed.

Yarow ha detto che i quattro erano accusati di legami con Al Shabaab e coinvolti in attentati del febbraio 2016 a Baidoa che provocarono decine di vittime.