giovedì 4 maggio 2017

CANNABIS: DISOBBEDIENZA CIVILE A TEL AVIV DI RADICALI ITALIANI CON GREEN LEAF: PIANTATO SEME MENTRE PARLAMENTO ISREALE STA PER DISCUTERE DEPENALIZZAZIONE

La presidente Antonella Soldo: "È prima tappa transnazionale del Radical Cannabis Club, presto in altre città per dire basta a proibizionismo" 


Blitz antiproibizionista a Tel Aviv dove la presidente di Radicali Italiani Antonella Soldo e Oren Leibovich, presidente del partito Ale Yarok (Foglia Verde) hanno compiuto un'azione di disobbedienza civile in occasione della discussione sulla legge per la decriminalizzazione dell'uso della cannabis che il parlamento israeliano si appresta ad avviare.
La notizia è stata diffusa oggi attraverso un video, che sarà trasmesso sabato prossimo dalla TV nazionale israeliana, nel quale Oren Leibovich pianta in un'aiuola un semino di cannabis ricevuto da Antonella Soldo, autedenunciandosi pubblicamente.
Fumare marijuana in Israele è considerato un reato penale, e dunque punibile con il carcere, sebbene il paese registri una delle percentuali più alte di consumatori e sia leader mondiale nella ricerca e l'uso della cannabis medica con circa 30mila pazienti. 
Il partito Ale Yarok è nato nel 1999 proprio con l'obiettivo di ottenere legalizzazione della cannabis. Piantando un seme, che in Israele è illegale, ha aderito all'iniziativa nonviolenta che Radicali Italiani, attraverso la campagna Radical Cannabis Club, sta portando avanti con disobbedienze civili itineranti. 
"Tel Aviv diventa così la prima tappa transnazionale, ma porteremo presto il Radical Cannabis Club in tante altre città, italiane ed europee", assicura la presidente di Radicali Italiani Antonella Soldo. "Il mercato illegale delle droghe è da sempre transnazionale: per questo occorre che in Europa e nel mondo le associazioni i movimenti che lottano per l'antiproibizionismo facciano rete", conclude Soldo.

Info sul Radical Cannabis Club http://www.radicali.it/campagne/cannabis

Ufficio stampa Radicali Italiani

3490916848