martedì 13 giugno 2017

Cannabis legale, Radicali Italiani a Renzi: per creare condizioni serve volontà politica. Pd si schieri con cittadini, non con mercato illegale

Dichiarazione di Riccardo Magi, segretario di Radicali Italiani, e della presidente Antonella Soldo 

"Rinunciare ad approvare la legalizzazione della cannabis in questa legislatura, come sembra fare oggi Matteo Renzi, significherebbe di fatto fare il gioco di chi difende ancora il mercato illegale. E cioè di Giorgia Meloni, Matteo Salvini, di un manipolo di altri ideologi proibizionisti e di qualche spacciatore. Mentre dall'altra parte, a favore della legalizzazione, sono schierati la Direzione nazionale antimafia, magistrati, rappresentanti delle forze dell'ordine, la stragrande maggioranza del Paese, tra cui i 60 mila cittadini che hanno firmato la nostra proposta di legge di iniziativa popolare per la cannabis legale; e poi i leader politici a cui oggi anche il Pd guarda con interesse, come Macron e Trudeau che hanno deciso di superare il proibizionismo. Non dovrebbe essere difficile scegliere da che parte stare. 
Legalizzare la cannabis riscatterebbe milioni di consumatori dal mercato illegale, libererebbe risorse per la nostra giustizia e avrebbe un effetto deflattivo sulle carceri, sottrarrebbe una fetta di mercato alle mafie e porterebbe soldi all'erario. Per questo creare le condizioni per la legalizzazione è una questione di buon senso e responsabilità. Purtroppo quello sembra mancare è ancora una volta la volontà politica. Probabilmente a causa di equilibri, parlamentari e politici, che esulano dal merito della questione. Sarebbe grave per il Pd assumersi la responsabilità di sprecare un'occasione storica per l'affermazione di diritti e libertà dei cittadini. Come Radicali continueremo la battaglia con tutti i mezzi a nostra disposizione, come le disobbedienze civili e i corsi di coltivazione di cannabis che stiamo portando nelle piazze italiane".

Roma, 13 giugno 2017

A questo link le foto del corso di coltivazione di cannabis organizzato da Radicali Italiani in piazza a Roma, con la disobbedienza civile di Riccardo Magi e Antonella Soldo. 

Ufficio stampa Radicali Italiani